emanuele_80


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
La segnaletica è stata evidentemente ripristinata di recente e l'intero percorso risulta ben indicato ad ogni bivio. Ho eseguito l'anello con discesa da Arvogno ad attraversare il Melezzo e poi su fino alla vetta del pizzo; la salita lungo la cresta è piuttosto ripida, con bolli sbiaditi ma segnalata da ometti. Al ritorno ho imboccato il sentiero che passa per gli alpeggi di Riola, Campeglia e La Colla, per poi tornare ad Arvogno dall'Alpe Verzasco (tenere conto circa 200 m di risalite).
Cielo terso ed un bel venticello frizzante spalancano le porte all'autunno, in barba alle poco incoraggianti previsioni meteo; gita pertanto svolta in condizioni ideali, con visibilità ottimale e la prima spolverata di neve sulle cime sopra i 3000 m. Rifugio Regi chiuso e situato in una posizione assolutamente spettacolare. Solitudine totale sull'intero percorso, a parte qualche capriolo ed un gregge di capre all'Alpe Forno.
Con Zeus.

nei pressi dell'Alpe Anfirn

salendo al Rifugio Regi

vista sul fondovalle dal rifugio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Partito da Parcineto e, passando da Valpiana, raggiunta l'Alpe Giavine, dove inizia il sentiero. La cresta è più lunga di quanto sembri (un'oretta minimo ci vuole dal colle, poco meno al ritorno), mai troppo difficile, anche se occorre spesso aggrapparsi all'erba per tirarsi su. La cima è l'elevazione più "consistente" che si incontra percorrendo la dorsale e contraddistinta sulla sommità da un minuscolo ometto. Discesa per lo stesso percorso fino al ponte in ferro, poi seguendo il sentiero a sinistra per l'Alpe Mundà e raggiungendo quindi l'Alpe Soi per la festa degli Alpini.
Mattinata umida dal meteo variabile, con nebbie sui rilievi alternate ad ampie schiarite che hanno concesso panorami gradevoli. Zona trascurata ma cresta molto divertente, unici inquilini camosci e pernici.
Gita in solitaria.

Corno del Sole visto salendo al colle

la cresta da percorrere

il sole fa capolino tra le nebbie...

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Terza ed ultima cima della giornata. Salita un po' sofferta a causa della stanchezza e, psicologicamente, per la notizia dell'incidente avvenuto un paio d'ore prima proprio alla base della Zumstein. Pertanto la cresta a salire mi è sembrata più difficile di quanto sia in realtà. Vetta relativamente affollata, quindi fatta una breve pausa anche per scendere velocemente ed evitare che la neve smollasse troppo. Discesa più scorrevole, nella quale è sufficiente prestare attenzione all'esposizione. Pausa più lunga al Colle Gnifetti fuori dalle difficoltà e poi giù a bomba (vero Matteo?) fino alle tende, dove ci concediamo un meritato riposo prima di raggiungere Indren e prendere la funivia per Staffal.
Week-end di soddisfazione con meteo splendido e l'ottima compagnia di Ale e Matteo.

in primo piano la Zumstein, dietro Dufour e Nordend

la cresta da percorrere. Si nota a destra la cornice staccatasi poche ore prima e che si è portata via una cordata di svizzeri

la Punta Parrot e i pendii di salita

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Dopo la Parrot, ci concediamo una breve digressione alla famosissima Capanna Margherita, giusto per annotare la salita nelle cime raggiunte. L'arrivo in vetta, difatti, non mi ha entusiasmato più di tanto, troppa gente e panorama circostante limitato proprio dalla presenza della capanna: il terrazzino che ci gira intorno non è infatti percorribile lungo tutto il perimetro e la visuale a 360° risulta pertanto incompleta. In ogni caso, una meta impossibile da tralasciare se si passa da queste parti.
Con Ale e Matteo.

dalla Parrot, in direzione del traccione che sale al Margherita

capanna in vista

io in vetta

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Saliti il giorno prima a piedi da Staffal per il Colle Salza, carichi come muli. Pernottato in tenda nei pressi del Mantova, ci sono alcune piazzole abbastanza comode. Alla sera il cielo coperto e qualche lampo all'orizzonte ci gettano un po' nello sconforto però, dopo una notte insonne, ci alziamo alle 3 ed è tutto stellato. Partenza mezz'ora dopo, ottimo rigelo e ghiacciaio in buone condizioni, i crepi ci sono fino al Colle del Lys ma piccoli e superabili su ponti solidi. Alle roccette prima della dorsale abbiamo evitato il traverso ghiacciato a sinistra, salendo direttamente su roccia (facile), poi bella ed estetica cresta, più stretta salendo ma che si allarga in discesa dopo la non ben identificabile cima, raggiunta alle 7.45, con il primo sole a baciarci. Spettacolare il mare di nuvole sulla Valsesia. Dal Colle Sesia ci siamo poi ricongiunti all'itinerario normale per il Margherita.
Delle tre cime fatte nella giornata, è stata quella che mi è piaciuta di più.
Con Ale e Matteo.

zaino carichissimo!

verso il Colle Salza

in vista del rifugio

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Piacevole passeggiata ad un panoramico alpeggio per trascorrere qualche ora tranquilla lontano dalla ressa di questi giorni ferragostani. Meteo soleggiato con qualche nube sparsa a coprire il Rosa ma temperatura gradevole.
Un saluto ad Enrico, il pastore dell’alpe, con il quale abbiamo scambiato volentieri quattro chiacchiere.
Con Chicca e Martina.

vista sul fondovalle e sull'imbocco della Val Quarazza

in salita nel bosco

Alpe Cicerwald

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Nessuna difficoltà fino al Passo Mondelli, a parte il sentiero che dopo l'Alpe Predenon si fa in alcuni punti meno visibile, rimanendo di contro ben bollato. Dal passo si sale liberamente sulla cima del Pizzo Mondelli, per poi seguire tutta la cresta fino all'Antigine. Contrariamente a quanto relazionato da altri, io ho trovato la dorsale di salita piuttosto stabile, vista comunque la grandezza dei blocchi che la compongono, ma sicuramente più sfasciumosa e mobile abbassandosi sul versante svizzero (cosa che ho fatto in discesa al ritorno), anche se fattibile tranquillamente con un po' di prudenza.
Finalmente il Pizzo di Antigine! Montagna in lista da tempo, per ammirare dalla sua vetta l'himalayana parete est del Rosa, oggi ben visibile in tutta la sua magnificenza. Meteo eccellente dunque, caldo il giusto e nuvole che hanno avvolto le cime solo nel pomeriggio. Visti tanti stambecchi dal passo fin sotto la punta. Val Mondelli sempre splendida, la solita oasi di pace e serenità.
Gita in solitaria.

Alpe Predenon

Pizzo di Antigine

l'evidente Passo Mondelli a sinistra dell'omonimo pizzo

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Il cartello alla partenza indicante l'Alpe Cazoli recita: sentiero difficile! Solo per esperti! In verità i bolli bianco-rossi abbondano, l'unico problema è l'esilissima traccia presente, spesso coperta dalla vegetazione; oserei dire che senza i segni sarebbe davvero arduo raggiungere il sopracitato alpeggio, vista anche la poca intuitività del percorso. La bastionata che sostiene il castello sommitale della montagna, contrariamente a quanto sembrerebbe, è facilmente superabile con due diagonali, prima a destra su balze erbose e poi verso sinistra lungo una cengia rocciosa. Raggiunta la cresta, sono salito in vetta per un canalino con passaggi di I/I+, anche esposti, che conducono direttamente all'ometto della cima sud, la principale.
In discesa ho inizialmente imboccato lo stesso canalino fatto in salita per poi spostarmi più a destra su roccette ed erba ripida dove effettivamente si scende meglio. Prestare attenzione allo sbarco sulla sella quotata 2700 m perché alcune placche rocciose, se bagnate, possono diventare pericolose. Da qui tutto facile fino alla Bocchetta di Cazoli ed oltre all'omonimo alpeggio dove si riprende il sentiero percorso al mattino.
Cielo inizialmente coperto per mio sommo sconforto, ma poi in breve si è pulito completamente ed è uscita una giornata meravigliosa, limpida e piacevolmente ventilata. Ambiente severo e selvaggio, con sentieri quasi scomparsi o del tutto inesistenti: la wilderness più pura, davvero una meraviglia! Ovviamente nessuna traccia di umani su tutto il percorso, uditi solo i fischi di qualche marmotta. Panorama splendido sui monti circostanti, così come sui laghi ticinesi ammirati dalla vetta.
Gita in solitaria da ricordare.

sulla mulattiera per Bedriola

Alpe Bedriola

ruderi all'Alpe Cazoli

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Il Sentiero Genoni è stato probabilmente ripristinato da poco: i bolli bianco-rossi sono ben evidenti ed alcune catene nell'ultimo tratto hanno gli ancoraggi praticamente nuovi. Tuttavia il percorso risente della mancanza di pulizia e dall'Alpe Quarazzola di sotto fino al limite della vegetazione è un autentico districarsi tra arbusti ed erba alta. Il Palone del Badile presenta due elevazioni, io ho raggiunto quella principale quotata 2675 m, l'altra a 2572 m l'ho trascurata visto il sopraggiungere di minacciosi nuvoloni. Gran confusione di nomi ed altitudini sulle varie carte per quanto riguarda la zona: il Passo della Miniera ha una quota effettiva di 2630 m anziché 2650 m come dichiarato, mentre l'intaglio che lo precede tra Val Quarazza e Val Moriana è a 2590 m circa e dovrebbe chiamarsi Colle Badile.
Meteo tutto sommato accettabile, bellissimo alle prime luci, poi si è coperto ma il sole non è mancato. Panorami dalla cima comunque compromessi. Ambiente che dopo Crocette si rivela aspro e poco battuto, viste solo marmotte e tre persone con due cani a Quarazzola di sotto che facevano picnic su alcune rocce. Stranamente poca gente anche al Lago delle Fate.
Gita in solitaria.

indicazioni sulla sterrata della Val Quarazza

begli scorci panoramici dal sentiero per l'Alpe Quarazzola

in salita lungo il selvaggio vallone

[visualizza gita completa]

Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
I bivi chiave dell'itinerario sono essenzialmente due: il primo è quello con ometto e lettera emme di pietre che conduce al pianoro quotato 2850 m, il secondo è l'imbocco del canalone che discende nel vallone di Plontaz. La salita alla cima non presenta difficoltà rilevanti per quanto riguarda l'orientamento, si può salire un po' dove si vuole: io ho preso subito a destra per pietraia dal pianoro, percorrendo poi una facile cengia in vista della punta. Così facendo occorre però superare un erto nevaio lungo una ventina di metri che, nelle condizioni attuali, è troppo ampio da aggirare e sono pertanto necessari i ramponi. Se si sale più a destra invece è pulito. Al ritorno, l'incrocio con il sentiero n.6 in salita da Mondanges può creare confusione in quanto da lì a poco la freccia gialla del segnavia diventa misteriosamente un bollo bianco-rosso e la traccia comincia ad inerpicarsi nel bosco; il tratto in salita comunque si esaurisce a breve ed il segnavia ritorna giallo.
Gita perfetta sotto tutti i punti di vista. Partito presto per scongiurare i temporali previsti nel pomeriggio, alle 9 sono arrivato in cima con cielo sereno e temperatura ideale. Dopo una lunga sosta, poco prima di ripartire, ho avuto l'emozionante incontro con il gipeto: decollato appena sotto la vetta, ha iniziato a disegnare ampi cerchi sopra di me fino a stabilizzarsi a non più di tre metri di distanza dalla mia testa con le zampe tese. Pensando istintivamente che avesse puntato il cane, ho iniziato a fare un po' di rumore ed a muovere in aria i bastoncini per costringerlo ad andarsene. Ha così ripreso lentamente quota ricominciando a girare, per poi allontanarsi in direzione della Grande Rousse. Visti anche tre cervi all'Alpe Verconey di sotto e tante marmotte. Incontrato un unico gruppone di quindici escursionisti sul sentiero balcone in direzione contraria alla mia e due persone a Verconey di sopra, per il resto nessun'altra traccia di umani nella zona.
Con Zeus, indomito sulla pietraia ed imperterrito alla vista dell'avvoltoio predatore. Un doveroso ringraziamento a Brunello 56, erba olina e diecimilapiedi per le minuziose relazioni che hanno reso sicuramente tutto più facile!

Alpe Verconey di sopra

i ruderi di Maison Forte

il bivio con ometto e lettera emme di pietre

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Scheggia (Pizzo la) da Arvogno (17/09/16)
    Sole (Corno del) o Sonnehorn da Bannio (04/09/16)
    Parrot (Punta) traversata Ovest-Est (28/08/16)
    Gnifetti (Punta) - Capanna Regina Margherita Via Normale dal Rifugio Gnifetti (28/08/16)
    Zumstein (Punta) Via Normale da Indren (28/08/16)
    Cicerwald (Alpe) da Borca (14/08/16)
    Antigine (Pizzo di) da Mondelli per la cresta SO (13/08/16)
    Fiorèra (Pizzo) da Valdo per il versante SW e la Bocchetta di Cazoli (06/08/16)
    Badile (Palone del) da Borca (04/08/16)
    Feluma (Punta) da Plantè (30/07/16)
    Cimone (il) da Bannio (24/07/16)
    Trécare (Becca) da Antagnod (17/07/16)
    Zerbion (Monte) da Barmasc per il Colle della Portola (16/07/16)
    Granta Parei via Normale da Thumel (09/07/16)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (03/07/16)
    Aiona (Monte) da Magnasco, anello per la Cresta Nord (25/06/16)
    Cleve di Moulaz da Allesaz, anello (18/06/16)
    Arcuentu (Monte) dal versante NO (07/06/16)
    Su Guardianu (Punta de) da Capo Pecora (05/06/16)
    San Marco (Capo) da San Giovanni di Sinis (03/06/16)
    Alben (Monte) e Cima della Croce da Cornalba (28/05/16)
    Ramière (Punta) o Bric Froid dalla Valle Argentera (21/05/16)
    Pecore (Pizzo delle) da Cardezza (14/05/16)
    Antola (Monte) da Donetta (Torriglia) (30/04/16)
    Cossarello (Monte) da Rassa (25/04/16)
    Tantané (Monte) da Artaz (10/04/16)
    Cucco (Monte) da Genico (02/04/16)
    Pizzetto (Il) da Fontane (28/03/16)
    Ruggia (Pizzo) da Arvogno (26/03/16)
    Gelé (Mont) da Ruz (19/03/16)
    Tabor (Monte) dal Ponte delle Seghe (12/03/16)
    Nona (Bec di) da Pont Saint Martin (20/02/16)
    Giove (Monte) da Darbedo, anello (13/02/16)
    Vaccaro (Monte) da Parre (06/02/16)
    Campo dei Fiori (Monte) da Orino (31/01/16)
    Rotondo (Monte) da Premana (23/01/16)
    Barone (Monte) da Roncole (17/01/16)
    Pizzetto (Il) da Fontane (05/01/16)
    Ovac (Cima dell') da Anzino (03/01/16)
    Montalto (Pizzo) e Pizzo Fornalino da Cheggio, anello (01/01/16)
    Ron (Vetta di) da San Bernardo (29/12/15)
    Arbola (Punta d') da Alpe Devero (27/12/15)
    Lema (Monte) da Dumenza (24/12/15)
    Collerin (Monte) da Pian della Mussa (19/12/15)
    Rocciamelone da la Riposa (09/12/15)
    Masoni (Monte) da Carona (05/12/15)
    Vailet (Monte) da Succinto (22/11/15)
    Alnasca (Poncione d') da Alnasca per la cresta N (14/11/15)
    Giove (Monte) da Altillone per il versante SE (08/11/15)
    Nero (Lago) da Alpe Devero, anello (07/11/15)
    Tanzonia (Punta di) e Monte del Sangiatto da Cologno, anello del Grande Est per il Passo di Pojala (01/11/15)
    Tornello (Pizzo) da Vilmaggiore (24/10/15)
    Cancervo (Monte) da Pianca, anello (17/10/15)
    Marzo (Monte) da Outre l'Eve per la Valle della Legna (11/10/15)
    Sivella (Punta) o Ciciozza da Tetti, per il versante NE e ritorno dal fondo Valle Artogna (26/09/15)
    Lavina (Torre di) da Campiglia Soana per il Canalino E (20/09/15)
    Ruvi (Monte) da Verthuy per il vallone di Valmeriana e il Colletto Giron (06/09/15)
    Battel da Mondelli per la cresta Sud-Est (30/08/15)
    Colmet (Monte) dal Colle San Carlo (22/08/15)
    Pouegnenta (Becca) o Pugnenta dal Colle San Carlo (22/08/15)
    Auro (Monte) da Casarola, anello per Montefiore Conca e Gemmano (13/08/15)
    Tignaga (Pizzo) da Bannio (06/08/15)
    Straciugo (Pizzo) da Pizzanco (02/08/15)
    Olocchia (Valle) da Alpe Bocchetto, giro per il Colle Baranca (25/07/15)
    Arera (Pizzo) da Valcanale per il Sentiero dei Fiori (19/07/15)
    Parrot (Punta) traversata Ovest-Est (13/07/15)
    Valgrande (Pizzo) da Ponte Campo, anello (05/07/15)
    Rossa della Grivola (Punta) da Cogne per il Bivacco Gratton (28/06/15)
    Torché (Becca) dal Vallone di San Grato (21/06/15)
    Claro (Pizzo di) da Monti di Maruso (06/06/15)
    Granta Parei via Normale da Thumel (02/06/15)
    Nona (Pizzo) da Bannio (31/05/15)
    Sasso (Cima) da Cicogna (24/05/15)
    Cardinello (Monte) dalla Val Fiumetto (17/05/15)
    Pozzolo (Punta) da Beura per l'Alpe Pozzolo (09/05/15)
    Catirina (Punta) da Lula (01/05/15)
    Salinas (Punta) dal Golgo (28/04/15)
    Figari (Capo) e Monte Ruju da Golfo Aranci (26/04/15)
    Autour (Cima) da Cornetti (22/04/15)
    Santa Croce (Monte) da Pieve Ligure (19/04/15)
    Grand Sertz o Gran Serra da Valnontey (12/04/15)
    Ovac (Cima dell') da Anzino (05/04/15)
    Crocione (Monte) e Monte di Tremezzo da Croce di Menaggio (28/03/15)
    San Giorgio (Monte) da Riva San Vitale (21/03/15)
    Noeud de la Rayette da Ruz (13/03/15)
    Kick (Mont) da Loomatten per il Vallone di Loo (07/03/15)
    Lago (Monte) dalla strada per il Passo San Marco (01/03/15)
    Arlaz (Flambeau e Col d') da Verres, anello per Croce St.Gilles, Chateau di Villa, Lago di Villa (22/02/15)
    Leone (Pizzo) da Ronco (08/02/15)
    Torriggia (Monte) da Orasso (01/02/15)
    Falò (Monte) da Coiromonte (24/01/15)
    Garzirola (Rifugio) da Buggiolo (18/01/15)
    Camino (Pizzo) da Schilpario (06/01/15)
    Zamboni-Zappa (Rifugio) da Pecetto (04/01/15)
    Moncucco da Montescheno per il Colle del Pianino (02/01/15)
    Pizzetto (Il) da Fontane (31/12/14)
    Galero (Monte) da Nasino, anello per il Passo delle Caranche (28/12/14)
    Croce del Cavallo da Antrogna (24/12/14)
    Tre Croci (Cima delle) da Ornavasso per la Punta di Migiandone (20/12/14)
    Costazza (Bec) dalla strada per Dondena (13/12/14)
    Irgilihorn dalla Zwischbergental (07/12/14)
    Minisfreddo e Poncione di Ganna da Arcisate, anello (06/12/14)
    Foppabona (Monte) da Introbio (29/11/14)
    Bardan (Monte) da Isola (22/11/14)
    Tracciora di Cervatto (Pizzo) da Rossa (16/11/14)
    Teggiolo (Monte) da S. Domenico (08/11/14)
    Marani (Punta) e Punta Gerla da Alpe Devero (01/11/14)
    Liconi (Testa di) da Morge (24/10/14)
    Galleggione (Pizzo) da Soglio (18/10/14)
    Crammont (Mont) da Elevaz (12/10/14)
    Greenway del Lago di Como da Colonno (28/09/14)
    Kurz (Punta) Via Normale dalla Diga di Place Moulin (27/09/14)
    Bishorn e Pointe Burnaby Via Normale da Zinal (21/09/14)
    Saraceno (Monte) da Piana di Mattinata (11/09/14)
    Tuppo dell'Aquila da Baia delle Zagare (08/09/14)
    Leppe (Punta di) da Les Druges, anello valloni di Laures e Saint Marcel (30/08/14)
    Costan (Punta) da Malciaussia per il Colle Autaret (23/08/14)
    Olocchia (Valle) Anello da Alpe Bocchetto (17/08/14)
    Tossenhorn da Gondo per la Zwischbergental (16/08/14)
    Marinelli Damiano (Bivacco) da Pecetto (06/08/14)
    Cingino Nord (Pizzo) dal Lago di Campliccioli (04/08/14)
    Cassinello (Pizzo) Via Normale dal Lago del Luzzone (25/07/14)
    Avril (Mont) da Glacier per la Fenetre Durand (19/07/14)
    Giavino (Monte) da Fondo (05/07/14)
    Marmagna (Monte) e Monte Orsaro da Cancelli (28/06/14)
    Comabbio (Lago di) anello dal lido di Corgeno (22/06/14)
    Colonna (Monte) da San Michele (21/06/14)
    Arpisson (Punta) da Gimillan per Tsaplana (14/06/14)
    Sirwoltehorn da Engiloch, per il Vallone di Sirwolte (07/06/14)
    Battel da Mondelli per la cresta Sud-Est (01/06/14)
    Aran (Becca d') da Cheneil (24/05/14)
    Leone (Monte) dal Passo del Sempione (17/05/14)
    Madone dalla Valle della Porta (10/05/14)
    Boglia (Monte) anello da Brè (04/05/14)
    Ruscada (Pizzo) anello Est-Ovest (01/05/14)
    Scalino (Pizzo) dalla Diga di Campo Moro (26/04/14)
    Capanne (Monte) Cresta Filicaie (23/04/14)
    Avic (Monte) traversata versante Nord-Est - cresta Ovest da Villa (13/04/14)
    Colmenacco (Monte) da Erno (12/04/14)
    Tiglio (Cima del) da Carcoforo (05/04/14)
    Chateau Blanc da Planaval (29/03/14)
    Chüebodenhorn da All'Acqua (15/03/14)
    Gross Leckihorn da Realp (08/03/14)
    Laveno (Pizzoni di) da Laveno (02/03/14)
    Loccia di Peve (Monte) da Scarliccio (22/02/14)
    Cou (Tête de) da Bard (15/02/14)
    Melma (Monte) da Lecco (09/02/14)
    Laglio (Poncione di) o Colmegnone da Germanello (08/02/14)
    Grigna Settentrionale o Grignone da Pasturo (25/01/14)
    Chilchalphorn da Hinterrhein (12/01/14)
    Greenway del Lago di Como da Colonno (11/01/14)
    Todano (Monte), Pizzo Pernice e Monte Todun da Cossogno (06/01/14)
    Misone (Monte) da Calvola (01/01/14)
    Pizzetto (Il) da Fontane (24/12/13)
    Pierre (Pointe de la) da Ozein (21/12/13)
    Bo Valsesiano (Monte) da Rassa (07/12/13)
    Grand Tournalin (Rifugio) da Saint Jacques (29/11/13)
    Chalet de l'Epèe (Rifugio) da Bonne (24/11/13)
    Gino (Pizzo di) da Revolé (16/11/13)
    Dora (Cima) e quota 2485 m. da Cheggio (09/11/13)
    Martica (Monte) e Chiusarella (Monte) da Brinzio (02/11/13)
    Riomaggiore - Portovenere, traversata (26/10/13)
    Carmo del Finale (Monte) o di Loano e Monte Ravinet da Boissano, anello per San Pietro dei Monti (12/10/13)
    Bello (Pizzo) e Cima Vignone da Prato Maslino (28/09/13)
    Bianco (Pizzo) da Pecetto per Rosareccio e passo Pizzo Nero (21/09/13)
    Niblè (Monte) Via Normale da Grange della Valle, possibile anello (14/09/13)
    Carestia (Punta) o Corno Rosso (Ròthòrn) da Valdobbia (06/09/13)
    Crabun (Monte) da Fey Dessus/Prà (04/09/13)
    Alta Luce o Hochlicht da Staffal (02/09/13)
    Olocchia (Valle) da Alpe Bocchetto, giro per il Colle Baranca (24/08/13)
    Olocchia (Valle) da Alpe Bocchetto, giro per il Colle Baranca (18/08/13)
    Cortenero (Alpe) da Mondelli (16/08/13)
    Fate (Lago delle) da Isella (15/08/13)
    Tignaga (Pizzo) da Bannio (11/08/13)
    Helsenhorn Via Normale dall'Alpe Veglia per il versante Sud-Ovest (03/08/13)
    Tresenta (la) da Pont Valsavarenche (13/07/13)
    Chiletto o Chilet (Lago) da Outre l'Eve (07/07/13)
    Clogstafel (Punta) da Valdo (30/06/13)
    San Martino (Pizzo) da Vanzone (23/06/13)
    Trouma des Boucs da Ruz (14/06/13)
    Blanc Giuir dal Lago di Teleccio (08/06/13)
    Vaccarezza (Monte) e Cima dell'Angiolino da Saccona (02/06/13)
    Breithorn dal Passo del Sempione (11/05/13)
    Pizzetto (Il) da Fontane (11/05/13)
    Miserin (Lago) dalla strada per Dondena (25/04/13)
    Reixa (Monte) e Monte Argentea da Case Soprane, anello (14/04/13)
    Grem (Cima di) da Gorno (23/03/13)
    Ivertaz (Monte) da Mont Blanc (26/01/13)
    Meidassa (Monte) da Pian della Regina (05/01/13)
    Molline (Colle) anello da Prailles (20/10/12)
    Salé (Becca di) da Grand Brissogne per il Bivacco Menabreaz e Colle di Salé (07/10/12)
    Blanche (Tète) da Glacier e il Rifugio Chiarella all'Amianthe (16/09/12)
    Sambrog (Laghetto di) da Cama (21/04/12)
    Como (Capanna) al Lago Darengo da Gravedona (12/04/12)
    San Martino (Pizzo) da Vanzone (08/04/12)
    Entrelor (Cima di) da Bruil (01/04/12)
    Raye Chevrère (Colle) da Veulla (24/03/12)
    Bar (Monte) dall'Alpe Rompiago (17/03/12)
    Zeda (Monte) da Colle (10/03/12)
    Bregagno (Monte) da Monti di Breglia, costone del Bregagno (03/03/12)
    Due Mani (Monte) e Zucco di Desio per la Bocchetta di Desio (26/09/10)
    Lagusèl da Alba di Canazei (17/08/10)
    Roffelstaffel e Fillar (Alpe) Anello da Pecetto (04/08/10)
    Sella di Baranca (Alpe) da Bannio (03/08/10)
    Lussert (Laghi) da Gimillian (24/07/10)
    Devero (Lago di) da Cologno, anello (17/07/10)
    Aver (Becca d') e Cima Longhede da Chantornè, anello per Col d'Aver e Col Fenètre (15/07/10)
    Sabbione (Lago del) dalla Diga di Morasco (04/07/10)
    Cornizzolo (Monte) da Civate per Monte Rai e Corno Birone (26/06/10)
    Zerbion (Monte) da Barmasc per il Colle della Portola (05/06/10)