Lazin (Piata di) da Lasinetto per la Bocchetta di Fioria

Lazin (Piata di) da Lasinetto per la Bocchetta di Fioria

Dettagli
Dislivello (m)
2200
Quota partenza (m)
1024
Quota vetta/quota (m)
3108
Esposizione
Sud-Est
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
lunga escursione priva di particolari difficoltà ma riservata esclusivamente a escursionisti ben allenati. Bisogna considerare che il reale dislivello da superare si avvicina ai 2200 m in quanto nel tratto lasinetto - lago lazin si debbono affrontare due perdite di quota abbastanza accentuate.
Descrizione

Da Lasinetto seguire il bel sentiero sempre segnato che con sali e scendi porta fino al lago senza grosse difficoltà , il sentiero si svolge tra bosco e pietraia toccando varie grange lungo il cammino.
Raggiunto il lago Lazin si sale a destra su terreno ripido guidati da recenti segnavia rossi che ci accompagneranno fino alla bocchetta Fioria, guadagnando in breve gli spalti erbosi dove è posto il casotto del guardiaparco.
La traccia tende a sinistra attraversando placconate rocciose e ripiani erbosi ( a quota 2350 m ca. si incontra il bivio per la bocchetta pian di mule; segnavia su massi) e a moderata pendenza a volte con piccoli saliscendi tende verso la caratteristica e rocciosa punta lazin.
Sempre ottimamente guidati dalla segnaletica si entra nel valloncello scendente dalla bocchetta e dopo aver superato un ameno ripiano erboso e con un ultima salita un pò più ripida si raggiunge la bocchetta di Fioria 2620 m.
Dal valico si prende a destra la cresta sud – sud-est della piata. si salgono facili placconate rocciose scegliendo la via migliore contrassegnata da vari ometti di pietra.
Dopo circa 300 mt. di dislivello l’ampio dosso si restringe e si appiattisce e con un breve tratto pianeggiante porta al di sotto della breve ma ripida salita alla quota 3055 a cui si perviene per massi accatastati.
Si sbuca così sul caratteristico e panoramico altipiano sommitale alla cui estremità nord-ovest vi è la quota 3108 (3054 su CTR Piemonte 1/10.000) alla quale si perviene superando la quota 3085 contrassegnata da un grosso ometto di pietre.
Sulla cima triangolino CAI Rivarolo. Panorama ampio e remunerativo sulle montagne della valle Orco e sul Gran Paradiso. Interessanti scorci sui sottostanti laghi nei valloni di Eugio, Forzo e Lazin.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC 1:50000 n.3 Gran Paradiso
francoc59
21.08.2020
1 mese fa
1 anno fa
2 anni fa
4 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
13 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato