Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: BSA / F+   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Ovest
quota partenza (m): 1960
quota vetta/quota massima (m): 4061
dislivello totale (m): 2101

copertura rete mobile
wind : 6% di copertura
vodafone : 14% di copertura
tim : 17% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 60% di copertura
3 : 20% di copertura

contributors: ZeneiXi
ultima revisione: 29/05/17

località partenza: Pont Valsavarenche (Valsavarenche , AO )

punti appoggio: Rifugio Vittorio Emanuele II

cartografia: Tav. IGM 1:25000 Gran Paradiso - Carta 1:25000 Valsavarenche - Gran Paradiso, l'Escursionista editore.

bibliografia: L.Bersezio - P.Tirone, Scialpinismo Quota 4000, Ediz. CDA Torino, 1989

accesso:
Dalla strada della Valle Centrale deviare per Introd-Val di Rhemes e Valsevarenche. Attraversare Introd e alcuni tornanti sopra il paese prendere a sinistra la strada per la Valsavarenche che si segue fino al suo termine a Pont (m 1950). Ampio parcheggio.

note tecniche:
Una delle grandi scialpinistiche delle Alpi, completa e superlativa per panorama e livello della discesa. I vasti pendii del Ghiacciao del Gran Paradiso hanno pendenza ideale e con buona neve consentono una sciata entusiasmante.

descrizione itinerario:
1° Giorno: Da Pont salire al Rifugio Vittorio Emanuele: superare il torrente Savare su un ponte e proseguire in piano sul lato destro idrografico. Superare un secondo torrente (che si origina dal Gh. del Gran Paradiso) su un altro ponte e iniziare quindi a salire nel bosco di larici radi.
- Con neve abbondante e sicura portarsi nel canalone e risalirne il fondo fino a poter deviare a destra (ripido) per prendere il tracciato della mulattiera reale, che si segue fino al rifugio (pendii via via meno ripidi).
- In caso di assenza di neve in basso conviene seguire integralmente la mulattiera reale, comoda e lastricata in molti tratti. Data la ripidezza e pericolosità dei pendii in basso, è preferibile attendere che questa parte del percorso sia priva di neve. A quota 2350 m circa, presso i ruderi dell'alpeggio Chanté, è possibile seguire a destra un sentierino che, traversandio ripidi pendii erbosi, giunge a due passerelle sul torrente superate le quali è in genere possibile calzare gli sci e giungere al rifugio per ampi pendii.
- Un percorso alternativo ma molto più lungo consiste nel risalire il vallone di Seiva (sulla sinistra idr.) verso la Testa del Grand Etret e, giunti a quota 2600 m, deviare a sinistra, traversare alla base della Becca di Monciair e del Ciarforon e raggiungere il rifugio dall'alto, scavalcando alcuni dossi morenici.
2° Giorno: Dal rifugio traversare in moderata pendenza in direzione NNE e, dopo un breve tratto più ripido, portarsi nell'ampio vallone del ghiacciaio del Gran Paradiso e risalirlo in direzione ovest per una serie di dossi. A quota 3100 m circa risalire il largo e ripido pendio del ghiacciaio e portarsi ad un'ampia spalla (q. 3400 circa). Segue un pendio alquanto ripido che si risale a zig zag fino a sbucare sulla larga dorsale che conduce alla cresta detta "Schiena d'Asino" (3750 m circa). Di fronte a una magnifica seraccata scavalcare questa dorsale (che separa il Gh. del Gran Paradiso da quello di Laveciau), passare alla base della Becca di Moncorvé e per ampi e via via meno ripidi pendii risalire l'ultimo tratto del ghiacciaio. Superare la terminale (normalmente chiusa in stagione scialpinistica) e lasciare gli sci alla sella q. 4035, alla base delle rocce sommitali. Risalire la cresta prima nevosa e poi rocciosa, traversare un facile ma espostissimo passaggio in versante Cogne e in pochi passi raggiungere la Madonnina della vetta tradizionale (m 4061).
Un chiodo e un paio di spit consentono di assicurarsi in questo tratto (F+/PD).

altre annotazioni:
Prima salita in sci: Paul Preuss, 1913.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Moncorvè (Becca di) da Pont Vasavarenche - (0 km)
Gran Paradiso da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II - (0 km)
Moncorvè (Colle di) da Pont Valsavaranche - (0 km)
Gran Paradiso (Colle del) da Pont Valsavarenche - (0 km)
Grand Etret (Testa del) da Pont Valsavarenche - (0 km)
Grand Croux (Testa di) Traversata Pont Valsavarenche - Lillaz (3 gg) - (0 km)
Fourà (Colle di punta) traversata Rifugi Vittorio Emanuele II e Città di Chivasso - (0 km)
Fourà (Punta) da Pont Valsavarenche - (0 km)
Gran Paradiso (parete Est) giro dei colli G. Paradiso, Noschetta, Valnontey e parete E - (0 km)
Tresenta (la) da Pont Valsavarenche per il Rifugio Vittorio Emanuele II - (0 km)
Ciarforon, quota 2940 m a Nord-Ovest da Pont Valsavarenche - (0 km)
Arolley (Cima dell') da Pont Valsavarenche - (0 km)
Vittorio Emanuele II (Rifugio) anello da Pont Valsavarenche per il vallone del Grand Etret - (0.1 km)
Taou Blanc (Monte) da Pont Valsavarenche - (0.1 km)
Entrelor (Cima di) da Plan Borgnoz - (0.1 km)
Gran Paradiso, Noaschetta. Gran Croux (Colli) traversata Pont Valsavarenche - Valnontey - (0.1 km)
Entrelor (Cima di) da Pont Valsavarenche - (0.5 km)
Ceresole (Punta di, cima Ovest) da Valsavaranche - (0.5 km)
Sberna Sebastiano e Renzo (Bivacco) da Pravieux - (2 km)
Gran Paradiso da Pravieux per il Rifugio Chabod - (2 km)
Grand Neyron (Colle del) da Praviou - (2 km)
Montandaynè (Becca di) da Pravieux per il Rifugio Chabod - (2.4 km)
Chabod Federico (Rifugio) da Pravieux - (2.4 km)
Sort (Colle di) da Eau Rousse - (4.8 km)
Percià (Punta) da Eaux Rousses - (4.8 km)