Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II

Gran Paradiso Via Normale del Rifugio Vittorio Emanuele II

Dettagli
Dislivello (m)
2101
Quota partenza (m)
1960
Quota vetta/quota (m)
4061
Esposizione
Varie
Grado
F+

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Vittorio Emanuele II 2735 m 0165 95920

Descrizione

Da Pont, seguendo le indicazioni, si attraversa il ponte e si segue in piano il corso del torrente, fino a raggiungere l’inizio della bella mulattiera per il rifugio Vittorio Emanuele II, prima nel bosco poi per spazi più aperti, fino a raggiungerlo in circa 2 h.
Si traversa in direzione NNE la grande distesa di blocchi e si prosegue poi per tracce di sentiero in moderata salita.

Da qui ci sono 3 possibilità:
1) Vecchio percorso (pochi ometti e solo all’inizio del vallone)
Si percorre tutto il vallone di detriti e rocce montonate per immettersi con un’ampia svolta a destra nella conca delimitata a sinistra dalla morena del Ghiacciaio del Gran Paradiso.
Si mette piede sul ghiacciaio a quota 3000 mt circa e lo si risale su pendii moderatamente ripidi e, in stagione avanzata, con presenza di molto ghiaccio, fino a raggiungere, presso la caratteristica ‘schiena d’asino’, l’itinerario che si unisce a quello proveniente dal rifugio Chabod in prossimità della caratteristica Becca di Moncorvè .
2) Nuovo percorso
Invece di percorrere il vallone ci si sposta sulla morena a sinistra, si risale il costone roccioso tra tracce di sentiero e roccette (non è ben segnalato ma è intuitivo) e si percorre tutta la morena, molto ben segnalata da ometti, a monte della Testa di Moncorvè. Si arriva a quota 3000, si mette piede sul ghiacciaio del Laveciau e con un breve traverso ci si unisce al percorso proveniente dal rifugio Chabod ; si percorre il vallone su pendii, in stagione avanzata, molto crepacciati fino ad arrivare al crestone nevoso della schiena d’asino in prossimità della Becca di Moncorvè.
3) Nuova ferrata.
Dal colle sulla morena dove si può scendere sul ghiacciaio di Laveciau, decritta al punto sopra, si può proseguire lungo la cresta, ampia, verso un cartello che si vede già dal basso. Qui inizia una nuova ferrata, attrezzata con cavo metallico, fittoni e pioli. Segue circa il filo della cresta che sovrasta il ghiacciaio. Il percorso sfrutta in parte delle cenge, raccordate da brevi tratti verticali. E’ presente un passaggio atletico verso la fine, per doppiare uno sperone strapiombante. Infine si sbarca in piano sul ghiacciaio a quota 3500 circa, prima della gobba da superare per arrivare alla congiunzione della traccia che sale dallo Chabod. (consigliato materiale da ferrata)

Un ultimo pendio compiendo un semicerchio passando sotto la vetta del Roc, adduce alla crepaccia terminale (se molto aperta viene attrezzata con una scala) dalla quale si raggiunge la cresta fatta di rocce e neve, senza difficoltà fino agli ultimi 20 m dalla Madonnina.
Qui un breve passaggio ma molto esposto su una cengia nel versante lato Cogne, permette di arrivare ad un intaglio e poi salire un passaggio di II che porta alla Madonna.
Questo passaggio chiave ha dei punti di ancoraggio per fare sicura, spesso si formano lunghe code di attesa per arrivare in cima. Dalla cima è anche possibile scendere con una corda doppia al colletto sul lato opposto rispetto alla cengia, e con percorso facile sul lato di Pont si ritorna al punto della cresta fatto in precedenza, evitando le code.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
andrea81
27.07.2020
2 settimane fa
3 settimane fa
11 mesi fa
12 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
13 anni fa
14 anni fa
15 anni fa
16 anni fa
17 anni fa
18 anni fa
19 anni fa
20 anni fa
23 anni fa
24 anni fa
30 anni fa
33 anni fa
34 anni fa
42 anni fa
46 anni fa
49 anni fa

Tracce (3)

Condizioni

Link copiato