Rossa della Grivola (Punta) da Valnontey per il Colle della Rossa

difficoltà: EE/F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1666
quota vetta/quota massima (m): 3630
dislivello salita totale (m): 2000

copertura rete mobile
wind : 40% di copertura
vodafone : 33% di copertura
tim : 24% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 0% di copertura

contributors: mario-mont
ultima revisione: 28/08/10

località partenza: Valnontey (Cogne , AO )

punti appoggio: Rifugio Vittorio Sella 2588 m

cartografia: Carta IGC n° 3

note tecniche:
Salita facile, anche se a tratti difficoltosa nella parte su sfasciumi.
Ramponi e piccozza indispensabili a inizio stagione, mentre a fine stagione in assenza di neve la gita è classificabile come EE

descrizione itinerario:
Da Valnontey si sale al rifugio Sella per l'ampia mulattiera, prima in pineta, poi fra ampi pascoli, sempre costeggiando l'impetuoso torrente, lasciando a sinistra l'Alpe Lauson, e quindi con una salita finale si giunge al Rifugio Vittorio Sella, posto in una conca erbosa meravigliosa.
Dal Rifugio si prende il sentiero al centro della valletta (scorciatoia) che si ricongiunge poco sopra al comodo sentiero per Col Lauson.
Giunti in prossimità di un ponticello di legno prendere il sentiero più stretto a destra. Questi sale prima ripido, poi con ampie svolte fin sotto il Colle della Rossa, 3195 m, che raggiunge con erte pendenze su terriccio instabile.
Dal colle scendere perdendo una trentina di metri di dislivello ca. e andando a sx tagliare il pendio di sfasciumi sottostante la parete della Punta Rossa (lingue di neve a inizio stagione) su esile traccia puntando ad una visibile spalla, che non è ancora il crestone, ma dà accesso al versante opposto della montagna.
Da qui salire a sinistra sempre su traccia (ometti) negli sfasciumi fino a guadagnare il pendio nord-est della montagna.
Risalirlo o su neve o su sfasciumi in base all'innevamento mantenendosi a ridosso del filo di cresta o costeggiando dall'alto il vasto e tormentato ghiacciaio del Trajo, che in alcuni punti lambisce quasi la cresta.
Raggiungere la cresta, da percorrere con precauzione se innevata, superare varie anticime e per una facile dorsale percorrere l'ultimo tratto fino alla vetta, contraddistinta da una piccola croce e da una riproduzione della Lanterna di Genova, opera dell'onnipresente CAI di Bolzaneto.
Discesa per l'itinerario di salita.