Vincent (Piramide) e Balmenhorn via Normale da Indren

località partenza: Funifor Punta Indren (Gressoney-la-Trinitè , AO )

punti appoggio: Rifugio Mantova e Rifugio Gnifetti, Bivacco Giordano

cartografia: Valle D’Ayas e Gressoney n.8 – 1:2500 ed: L’Escursinista Zavatta

bibliografia: Valle d'Aosta, Oltre il sentiero – ed: CDA

note tecniche:
Facile a appagante salita in uno degli ambienti glaciali più belli delle alpi in due tappe: la prima dal Gabiet al Mantova (o alla Gnifetti) percorrendo una bella escursione in un ambiente di roccette e sfasciume notevole (1125m di dislivello tempo medio poco più di 3h); la seconda su ghiacciaio facile e quasi sempre ben tracciato. Il salire la Piramide Vincent e il Balmenhorn pur essendo molto vicini danno la possibilità di avere due prospettive diverse dello scenario circostante (860m complessivi in 2h30’ + 20’).

per gli orari della funivia vedi: http://www.gressoneymonterosa.it/sezione.asp?idsezione=105〈=ITA

descrizione itinerario:
Da Gressoney si utilizzano gli impianti di risalita per Punta Indren (arrivo Funifor). Da qui si segue il sentiero che attraversa in parte il glacio-nevaio di Indren che conduce ai Rifugi Mantova e poco oltre Gnifetti. Si segue verso il colle del Lys, a sx sono numerosi i crepacci aperti a volte non sempre visibili si tiene quindi la traccia che passa sotto i seracchi della parete sud ovest della Pramide Vincent e dopo un paio di salti un po’ più ripidi a quota 4010 m ci si trova con la nera sommità rocciosa del Balmenhorn in fronte di qui si svolta decisamente a dx, verso il Colle Vincent 4088 m, che separa il Balmenhorn dalla Vincent e poco prima di raggiungerlo si prende a dx per affrontare il pendio terminale, prima dolce e poi via via più ripido sino alla calotta sommitale 4215 m.
Per raggiungere il Balmenhorn 4185 m ,dopo aver ripercorso a ritroso la calotta sommitale sino al punto di accesso in salita si scende per il versante salito puntando in linea retta il colle sottostante che si raggiunge in pochi minuti, di qui si prosegue risalendo la parta opposta del colle percorrendo il diagonale a sx sino a raggiungere la base rocciosa del Balmenhorn. Una corda attrezzata e scalini artificiali permettono il facile raggiungimento la statua del Cristo delle Vette e il sottostante bivacco Giordano.
Il rientro, una volta ridisceso lo sperone roccioso avviene percorrendo un piccolo trotto di cresta e svoltando decisamente a sx scendendo per un lieve pendio sino ad incrociare la traccia che sale al colle del Lys e percorrendola verso valle si incrocia di li a poco la quota 4010 m (dove avevamo svoltato a dx per la Vincent) e si prosegue la discesa sino al Rifugio Mantova, e quindi a Punta Indren.