Corborant (Cima di) da San Bernolfo per il Buco della Marmotta

Corborant (Cima di) da San Bernolfo per il Buco della Marmotta

Dettagli
Dislivello (m)
1310
Quota partenza (m)
1700
Quota max/vetta (m)
3010
Esposizione
Tutte
Grado
EE/F

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Dahu de Sabarnui, Rifugio de Alenadris Foches al Laus

Note
In inverno o in primavera, quando il 'buco' non è agibile a causa delle condizioni della neve, la gita assume un connotato decisamente alpinistico con una difficoltà di PD-.
Avvicinamento
Dai Bagni di Vinadio si raggiunge S.Bernolfo. Il sentiero per i laghi Lausfer inizia come uno sterrato carrozzabile che si diparte un paio di tornanti dopo l'abitato (cartello).
Conviene percorrere in auto lo sterrato per poche centinaia di mt, si troverà un comodo slargo in cui parcheggiare.
Purché non si abbia un assetto ribassato (o gli ammortizzatori scarichi), si può proseguire ancora per un paio di Km e un 200 mt di dislivello, fino a una ulteriore piazzola. In questo modo si accorcia significativamente non tanto il dislivello, ma la distanza lineare da percorrere.
Descrizione

Da San Bernolfo seguire il sentiero che conduce ai laghi Lausfer. Raggiunto il Lago Inferiore (2501 m), si contorna il lago ad est e si prosegue fino al Lago Superiore (2580 m).
Il sentiero costeggia il lago sulla sponda orientale, poi rimonta un pendio detritico sotto ai contrafforti meridionali del Corborant, in direzione dei massi caoticamente accumulati dalla gigantesca frana staccatasi dal fianco sud-ovest della montagna. un centinaio di metri prima della frana si abbandona il sentiero, e si va a destra (ometti) su cengette che tagliano placche inclinate, fino a raggiungere il marcato canale detritico tra il Gendarme del Corborant e la cima principale.
Si sale per tracce nel canale che è chiuso in alto da un gigantesco masso. Giunti nell’affranto sotto il masso, si supera un breve muro (scaletta) e si passa in un ampio foro dietro al masso stesso (“Buco della Marmotta”).
Con condizioni invernali, arrivati al masso uscire sulla paretina a sinistra e con pochi passi (III-) e riprendere il canale soprastante.
Con una spaccata si sale sul masso e si continua per facili rocce e detriti, giungendo in breve alla Forcella Est del Corborant (2900 m circa). Si sale per un diedrino gradinato a sinistra di una placca liscia, poi si prosegue per cenge e saltini rocciosi sul lato nord-est della cresta.
Più in alto la cresta diventa facile e arrotondata, e conduce in breve sulla Cima del Corborant. (Tratto da Nelle Alpi del Sole di Andrea Parodi, pagg. 180 e 181)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC 1:50000 n.7 Valli Maira Grana e Stura
Bibliografia:
Nelle Alpi del sole di Andrea Parodi
clabo
22/08/2020

Nelle vicinanze Mappa

4 mesi fa
5 mesi fa
6 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
14 anni fa
15 anni fa
16 anni fa
17 anni fa
18 anni fa

Tracce (4)

Link copiato