Renon (Bec) e Cima Battaglia da Scalaro, anello

Renon (Bec) e Cima Battaglia da Scalaro, anello

Dettagli
Dislivello (m)
1200
Quota partenza (m)
1430
Quota vetta/quota (m)
2298
Esposizione
Varie
Grado
EEA

Località di partenza Punti d'appoggio

Cerca in questa area
1 proposta Vedi tutte
Note
Bell’anello reso possibile escursionisticamente dalle corde fisse posizionate tra il Corno e la Cima Battaglia naturalmente questo tratto molto esposto richiede tanta attenzione sopratutto con terreno bagnato o anche solo umido come in certe giornate autunnali.
Avvicinamento
Da Quincinetto si prende la strada che con numerosi tornanti tocca Santa Maria proseguendo poi fino alla frazione Scalaro 1413 m, dove si lascia l'auto in un ampio parcheggio con area attrezzata per picnic.
Descrizione

Si prosegue a piedi entrando nel paese e si imbocca il sentiero segnalato da cartello in legno posto esattamente di fronte al campanile sulla sinistra della strada.
Ci si dirige verso N e si incontrano quasi subito le baite Lebi, quindi si attraversa il torrente per raggiungere un altro gruppo di baite.
Il tracciato tende a salire sempre in direzione N per ripidi prati.
Dopo aver passato la baita di Balma Piatta 1847 m si giunge ad una sella riconoscibile per una serie di massi allineati 1920 m.
In prossimità del promontorio che domina la valle vi sono alcuni massi scolpiti a coppelle, incisioni rupestri attribuibili all’età del bronzo. L’itinerario prosegue in direzione del canale chiaramente visibile dalla selle. Lungo il canale, il sentiero si inerpica tra sicuri gradoni rocciosi e pendii erbosi fino a raggiungere l’anticima.
L’ultima parte del tracciato è interamente su cresta piuttosto esposta (alcuni gradini di ferro e qualche corda fissa offrono un buon supporto).
Dal Bec Renon si prosegue per cresta prima in leggera discesa poi in piano aggirando a sx qualche spuntone fino a quando al di sotto di una marcata elevazione si nota una traccia sulla sx che con un traverso raggiunge un ometto in pietra.
Da qui si continua su una cengia in discesa che si fa sempre più stretta sfociando con un ultimo stretto passaggio in un largo pendio erboso che si risale guadagnando nuovamente la cresta ai piedi del Corno Battaglia, si prosegue a dx sotto la parete del Corno raggiungendo una bocchetta.
Si ha ora davanti la testa della Cima Battaglia preceduta da una arcigna placconata.
Si scende il canalino attrezzato e si traversa sotto alla Cima, ora si risale il ripido pendio erboso su buona traccia andando a guadagnare le corde fisse che aiutano a risalire la placconata e raggiungere il colletto, passando sull’altro lato un sentierino aggira e risale facilmente e in poco tempo alla Cima Battaglia 2298 m.
Seguire il sentiero perfettamente segnato da bolli biancorossi che prosegue per cresta in direzione del colle Bonze. Un paio di centinaia di metri prima di raggiungerlo a svoltare sul sentiero che scende i ripidi prati in direzione del vallone di Scalaro e, seguendo i segni si torna al punto di partenza.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
MUed 03 Valchiusella
francoc59
06/06/2021
2 settimane fa
9 mesi fa
10 mesi fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa

Tracce (3)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 340m 5.8Km

Pont-Saint-Martin – Monte – Lys

Stazione Meteo 662m 6.8Km

Bard – Albard

Webcam 1100m 6.8Km

Cappia

Webcam
Webcam 268m 6.9Km

Settimo Vittone

Webcam
Stazione Meteo 367m 7.3Km

Hône – Ayasse

Stazione Meteo 340m 7.4Km

Hône – Ponte Dora Baltea

Link copiato