Asti (Pic d’) Via Normale della Cresta SE

Asti (Pic d’) Via Normale della Cresta SE

Dettagli
Dislivello (m)
660
Quota partenza (m)
2560
Quota vetta/quota (m)
3219
Esposizione
Varie
Grado
PD+

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Utile il casco. I passaggi sono prevalentemente di II/II+ non continui e qualche brevissimo passaggio su II+/-III.
Descrizione

Dal laghetto quota 2587 si prende l’evidente sentiero, che in direzione nord-est (verso il Pic) atraversa i bei pascoli fino a lambire l’evidente pietraia che discende dal Pic d’Asti; costeggiarla prendendo la direzione est e non farsi tentare, arrivati in prossimità di un pianoro in cui non si vedono più ometti e bolli, di salire direttamente la pietraia, ma costeggiarla infilandosi in un valloncello nuovamente in direzione nord-est, in cui si ritrovano gli abbondanti ometti.
Facendo sempre attenzione agli ometti, non sempre visibilissimi in salita, si risale la pietraia sul margine del macereto (sulla dx salendo), guadagnando faticosamente con sentiero sempre più evidente la Sella d’Asti (palina).
Da qua volgendo verso nord-ovest si vede l’evidente via di salita della cresta: si ridiscende per qualche metro e si aggira il Torrione Gina (versante nord), salendo un canalino e un muretto (alla fine di questo sosta su cavi d’acciaio) e lo si aggira per cengette, gradini fino a uno spuntone più evidente in cui si può passare sulla dx salendo (bollo verde, sosta alla fine del passaggio) per passaggio un po’ esposto ma ben gradinato, o sulla sx per terreno più infido e marcio.
Superato il tratto si giunge sotto la parete, si prende la cengetta che sale sulla sx (bollo) che poi si allarga e si trasforma in un canalino sfasciumato, quando questo termina si affronta la dirempettaia brevissima placca (II+/III-), bollo verde e tacca sbiadita sopra, no materiale per assicurazione, insidiosa se bagnata), che aiuta a guadagnare la cengia superiore, più stretta, ma ben appigliata, (bolli)che si attraversa da sx verso dx guadagnando lo spigolo di cresta.
Qui si sosta. Si percorre quindi la cresta con facile, ma aereo passaggio (II+/III-), e la si percorre, dapprima per rocce abbastanza verticali, la pendenza si abbatte e sul filo si raggiunge con facilità l’aerea vetta.
Discesa su itinerario di salita, consigliata la doppia al secondo o terzo cavo d’acciaio (sosta) che si incontra scendendo, ma facilmente riconoscibile perché consente di calarsi direttamente sulle cenge sottostanti (corda 60 m giusta, giusta, calarsi tutto sulla sx scendendo in direzione della placca, attenzione nel recupero corda: rischio di incastrarla).
In alternativa disarrampicando in sicurezza sul tratto di salita, ma più lungo e laborioso.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
ale84
26.09.2019

Nelle vicinanze Mappa

1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
13 anni fa
14 anni fa
15 anni fa
16 anni fa
19 anni fa
23 anni fa

Tracce (3)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 2685m 900m

Colle dell’Agnello

Stazione Meteo
Panoramica 3208m 1.8Km

Pain de Sucre

Panoramica 3208m 1.8Km

Pain de Sucre

Webcam 1614m 8.2Km

Pontechianale – paese

Webcam
Link copiato