McCandless


Le mie gite su gulliver

Giudizio Complessivo :: *** / ***** stelle
Via discontinua ma molto carina. Fare attenzione alla L4: è possibile piazzare un friend (di dubbia tenuta) prima della sezione chiave e poi non ci si riesce a proteggere fino al chiodo con cordino (anch'esso di dubbia tenuta). Molto caratteristico e divertente il passaggio del buco: si passa dall'assoluta certezza di non riuscire a passare (soprattutto quando si sente il bacino quasi incastrato) all'incredulità mista ad euforia per esserne usciti.

Percorsa con Danilo, col quale si torna ad arrampicare insieme dopo qualche annetto!
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Via bellissima e roccia fantastica: anche se breve si merita 5 stelle piene!
Il passaggio di 6c della L4 è facilmente azzerabile ed il resto del tiro è molto più abbordabile. La L3 invece mi è sembrata più continua, anche se più facile da scalare in libera. La L5 invece è omogenea e piacevole, da non perdere!

In compagnia del grande Ferruccio, che mi ha proposto questa via poco più di una settimana fa: proposta che non mi sono fatto certo sfuggire, nonostante qualche mio timore reverenziale verso la Grigna. Grazie della bella giornata!
In discesa abbiamo incontrato anche Eugenio Pesci, al quale rinnovo i ringraziamenti per aver dato vita a questa piccola perla e per l'incessante lavoro di chiodatura.

La L1, piuttosto impegnativa a freddo.

L'esposizione della L4.

Il traverso verso la sosta della L4.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via molto bella ed estetica e con grande esposizione: sicuramente imperdibile per gli amanti del Bourcet.
Purtroppo abbiamo trovato alcuni tratti bagnati (il tettino della L2 e alcuni tratti del diedro di L3), ma l'ottima chiodatura e i cordoni presenti sui passi duri ci hanno comunque permesso di azzerare questi passaggi.
La L2 è veramente spettacolare: tiro lungo e continuo, davvero stupendo! E' anche la lunghezza che richiede più rinvii: seguendo i consigli di chi mi ha preceduto ne ho portati esattamente 16 e confermo che vanno usati tutti.
Friends e nut non utilizzati.

Ottima giornata in compagnia di Alberto, che va sempre come un treno nonostante arrampichi poco.
Giudizio Complessivo :: ***** / ***** stelle
Gran bella via di arrampicata tecnica su una favolosa placca lavorata: la roccia del Pinnacolo è decisamente una delle mie preferite!
La via è chiodata in ottica sportiva e i passaggi duri mi sono sembrati sempre azzerabili. Personalmente ho trovato decisamente più duro il 6b+ della L4 (piuttosto continuo nella parte finale) del 6c della L5 (che consiste in un singolo passo prima della sosta). Discorso a parte va fatto per la L2: la lunghezza è relativamente facile ma ha una chiodatura molto meno sportiva.
Il sentiero di avvicinamento è a tratti invaso dalle piante ma è comunque ben segnalato. Usciti dalla borgata di Maslana e superato il letto del torrente si incontra subito cartello in legno con la scritta "Pinnacolo" (sul lato destro del sentiero, un po' nascosto tra le piante) che permette di trovare facilmente la deviazione dal sentiero principale.

Ottima giornata in compagnia di Ferruccio. La consueta lunga coda di rientro ci ha obbligato a fermarci a mangiare una pizza e a festeggiare la via: forse forse ci è andata bene così!

La parte finale della L2

Gli ultimi passi della L4

Poco prima del passo chiave di L5 (dalla sosta intermedia)
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Prima volta alla Parete Calva e le aspettative non sono state disattese: la roccia è veramente fantastica!
La via è molto bella, in particolare le lunghezze centrali (dalla L3 alla L7). I pochi tratti erbosi (uscita dalla L3, un brevissimo tratto in L4 e qualche tratto dell’ultima lunghezza) non intaccano il piacere dell’arrampicata.
Non abbiamo avuto la necessità di usare i friend, ma forse qua e là si può integrare qualche passo che presenta ancora una chiodatura distanziata.
Il sentiero è ben segnato da targhette metalliche recanti un triangolino giallo, ma la traccia non è molto evidente (e in questa stagione risulta anche nascosta dalle foglie): bisogna dunque prestare sempre molta attenzione alle targhette e agli ometti.
Per la discesa abbiamo effettuato 5 calate: 3 calate fino alla S5 (anche se forse un paio di lunghezze potevano essere unite in un'unica calata), da qui fino alla S2 (calata nel vuoto), e infine fino alla base.

Un ringraziamento innanzitutto a Enrico, che mi ha portato a conoscere questo piccolo gioiellino di parete che da tempo desideravo visitare e col quale spero di poter percorrere presto altre vie. E poi un grande ringraziamento anche ai chiodatori (ne abbiamo incontrato uno lungo il sentiero di discesa) che continuano a svolgere un grande lavoro per cercare di condividere questa stupenda parete con gli altri arrampicatori: grazie!

Lo spanciamento della L5

I colori autunnali visti dalla parete

Calata nel vuoto
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via stupenda dal punto di vista dell'arrampicata, peccato solamente per l'ambiente in cui si svolge (oggi siamo stati accompagnati da un incessante rumore di martello pneumatico). Le lunghezze sono tutte molto belle, a parte (forse) la L1: il muretto iniziale è veramente poco invitante a freddo! La L6 invece è un vero capolavoro della natura (grazie a maigol per avermela concessa).
Il grado obbligatorio è sicuramente superiore al 6a dichiarato da "Ossola Rock", infatti la guida "Le più belle vie di roccia dell'Ossola oltre al V grado" propone 6b obbligatorio.
Un paio di avvertimenti per i futuri ripetitori:
1) Nella L6, poco oltre il passo chiave nel diedro, è presente un grosso blocco sporgente che si muove vistosamente: fare attenzione! Con un po' di fatica in più si riesce tranquillamente a non utilizzarlo.
2) Nella L7 si è sfilata una vecchia coppia di chiodi collegati da un cordino blu, utilizzati come protezione lungo il tiro. Non avendo con noi un martello per ribatterli, e per evitare ai ripetitori di fare affidamento su un ancoraggio precario, abbiamo deciso di lasciarli alla base della via.

Un grazie a maigol per la sempre ottima compagnia, e anche per essersi tirato il faticosissimo strapiombo finale.

La L4, dove il tracciato originale (da noi seguito) si ricongiunge con la variante di sinistra

La prima parte della L6, prima del diedro

La parte terminale del diedro della L6
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via molto bella, con alcune lunghezze davvero interessanti. Nonostante la L5 sia la più difficile da percorrere in libera, a mio avviso la lunghezza più impegnativa è la L3 (faticosa e con movimenti di non facile impostazione). Le lunghezze pari (che sono capitate a me da primo) sono invece più abbordabili, ma non meno belle: il traverso della L4 è molto delicato ma altrettanto spettacolare!

Un grazie a maigol per la bella giornata trascorsa insieme: ottima compagnia e due belle vie percorse insieme! E infine, incuranti della linea, si festeggia ad amaretti e torta! :)
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Un'altra gran bella via del Bourcet. Nessun tiro risulta banale e, anzi, alcuni dei tiri che sulla carta sono relativamente "facili", nella realtà nascondono qualche passaggio più impegnativo del grado dichiarato (in particolare la L6).
La L1 è piuttosto difficile da risolvere a vista: la sequenza di movimenti è obbligata, e bisogna sapere dove si trova la presa risolutiva (anche se segnalata da una piccola traccia di vernice azzurra).
La L3 invece è tanto bella quanto continua. Purtroppo però non saprei proprio come affrontare in libera il passo chiave: per fortuna c'è un provvidenziale cordone che aiuta a fugare tutti i dubbi! :)

Un grazie a maigol per l'intensa giornata arrampicatoria: due belle vie e un'ottima compagnia! Torno a casa stanco ma decisamente felice.
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Via molto bella, non presenta mai difficoltà elevate, ma non va assolutamente sottovalutata per via della sua non sempre ottima proteggibilità. Inoltre, come già sottolineato da alcuni, la via richiede un certo impegno anche da parte dei secondi di cordata a causa dei numerosi tratti in traverso.
Avendo percorso la via dopo una giornata di pioggia, abbiamo trovato numerosi tratti molto bagnati (tra cui buona parte del diedro ad arco), il che ha reso più "avventurosa" la nostra gita. Per gustarsi in tranquillità il diedro ad arco è meglio aspettare qualche giorno dopo le piogge.
Alcune note riguardo ai tiri e alle soste basate sulla nostra esperienza:
- La S3 (sosta al termine della "serpe fuggente") è scomodissima, ma dalle relazioni sembra possibile proseguire per altri 15-20m percorrendo il camino del cosiddetto "angolo amaranto", giungendo così ad un comodo albero con cordone (tiro di 60m; soluzione non verificata)
- Dall'albero appena descritto, spostarsi di 20-30m tendendo verso destra (terreno semplice) e sostare su un albero alla base del diedro che porta all'arco
- Percorrere il diedro (lo abbiamo trovato bagnato) e poi la fessura, ignorando una prima sosta costituita da 4 chiodi (di cui: i 2 superiori collegati con cordone), e sostando sul comodo pulpito che si trova pochi metri oltre (3 chiodi da collegare, sul lato sinistro)
- Una volta effettuata la calata al termine del diedro ad arco, noi abbiamo superato il chiodo con cordone (che, a quanto ho compreso dalle relazioni, costituisce la sosta S6) e abbiamo sostato sulla evidente lama che si trova poco più in alto e a destra (sosta completamente da attrezzare con un cordino su masso incastrato nella lama e un friend).

Un grazie all'instancabile Marco, con il quale ho fatto questa prima bellissima esperienza nella Val di Mello. Non vedo l'ora di tornarci!

Il traverso della L2
Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle
Gran bella via di soddisfazione in un ambiente magnifico. Bellissime le prime lunghezze, tutte da arrampicare e su roccia fantastica; nella seconda parte della via invece sono presenti alcuni tiri con qualche tratto erboso (per questo non ho dato le 5 stelle).
Nella L1 è possibile azzerare il passo duro come descritto in relazione; a mio avviso però l'obbligatorio resta comunque sul 6b (e il passo duro, in libera, potrebbe essere tranquillamente sul 6b+).

Un grazie al buon damup per avermi suggerito questa via, e un ennesimo grazie a Marco per aver percorso insieme anche questa bella via. Chissà se la stagione è finita o se riusciremo a fare qualche altra bella salita insieme nelle prossime settimane...

Le prime luci dell'alba sulla Punta Allievi

La placca della L1 vista dall'alto

Poco prima del passo chiave della L1

[visualizza gita completa]

Non puoi contattare gli altri gulliveriani se non sei un utente registrato. Vai alla pagina di registrazione .

Tutte le sue gite

  • Sergent Locatelli (22/06/18)
    Cinquantenario (Torrione) fantasma della libertà (20/06/18)
    Bourcet (Vallone del) Folgore (17/06/18)
    Maslana (Pinnacolo di) New Age (10/06/18)
    Parete Calva Margherita va da Dolcino (08/10/17)
    Sentinella di Gondo Rondini sanguinarie (28/09/17)
    Bourcet - Parete del deltaplano Action directe (21/09/17)
    Bourcet - Parete del deltaplano Deltaplano a motore (21/09/17)
    Dimore degli Dei Il Risveglio di Kundalini (13/09/17)
    Allievi (Punta) Così è Se Vi Pare (27/08/17)
    Graue Wand Niedermann (22/08/17)
    Tribolazione (Becco Meridionale della) Grassi-Re (20/08/17)
    Poncione di Cassina Baggio Herbstwind (17/08/17)
    Clogstafel Anime Ribelli (15/08/17)
    Vicima (Pizzo) - Parete E dell'anticima Sud Margherita delle Stelle (05/08/17)
    Meja (Rocca la) Correnti Gravitazionali (30/07/17)
    Graue Wand Eisbrecher (16/07/17)
    Trono di Osiride Docce Scozzesi 2017 (12/07/17)
    Presolana Centrale (Pizzo della) Echi Verticali (09/07/17)
    Trono di Osiride - Bracciolo Sinistro I misteri della fisica (05/07/17)
    Lomasti (Pilastro) Passaggio a nord ovest (02/07/17)
    Roci Ruta (Bec di) Base jump, Il tempo di Mudjakewis & other (14/06/17)
    Maslana (Pinnacolo di) Il risveglio (11/06/17)
    Raty (Bec) Diamante (02/06/17)
    Lomasti (Pilastro) La verde milonga (31/10/16)
    Lities (Rocca di) La cometa di Halley (29/10/16)
    Bourcet - Parete dei Corvi Apache (18/10/16)
    Bourcet - Parete della vecchia Urlo di Munch (08/10/16)
    Titani (Parete dei) Titanic (04/09/16)
    Barbisino (Zucco) via Monzesi (03/09/16)
    Maslana (Pinnacolo di) Vent'anni di sfiga (01/09/16)
    Chli Bielenhorn RoRu (27/08/16)
    Valsoera (Becco di) Via Mellano-Perego (25/08/16)
    Raty (Bec) Aspettando Danilo (02/08/16)