Bernina (Piz) Biancograt

difficoltà: AD :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 2583
quota vetta (m): 4048
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura
tim : 52% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 54% di copertura
3 : 60% di copertura

contributors: mamo
ultima revisione: 28/07/09

località partenza: Pontresina (Pontresina , Maloggia )

punti appoggio: Chamanna da Tschierva , ben gestita

cartografia: CNS 1277, 268 S

note tecniche:
Fantastica salita in cresta , non ci sono parole per descrivene la bellezza delle linee , l'esposizione continua e i panorami che si susseguono .
Il pendio sotto la fourcla è da evitare a fine stagione ( quando è di ghiaccio nero ) , molto meglio la ferrata verso sinistra .
Molto lunga la traversata e la discesa sulla Fortezza , l'Isla Persa e giù sino a Morteratsch .
Materiale : Viti da ghiaccio, friends, cordini, casco, corda min 60.

descrizione itinerario:
Alta Engadina da San Moritz a Pontresina, ampio parcheggio presso la stazione del treno con possibilità di parcheggiare per più giorni (mediamente 5 Fr al dì)
SALITA
Raggiunta la Chamanna Tschierva da Pontresina per la Val Roseg e l'Hotel Roseg (fin qui possibilità di prendere un calesse) in 3:30, si seguono le indicazioni (catarifrangenti sulle rocce utili durante la salita alla luce della frontale) per la Fourcla Prevliousa per ghiaioni, macereti instabili e un ultimo pendio a 40° evitabile sulla sinistra per una ferrata (3-4 ore).
Dalla Forcella si attacca il filo delle rocce seguendo spit e chiodi fino a traversare sul lato est lungo una cengia nevosa ed arrivare alla cresta nevosa vera e propria.
Si segue la cresta con pendenze massime di 45° facendo attenzione ai tratti ghiacciati. In 5 ore si giunge al Piz Bianco (fin qui difficoltà AD).
Si prosegue per la Breccia del Bernina, scavalcando i vari torrioni con due calate in doppia da 30 m circa. Questo tratto è D- con un passaggio di IV se si affronta direttamente un torrione centrale (1h o 2h).
DISCESA
Dalla vetta si segue l'affilata cresta verso la Spedla (vetta italiana, Punta Perrucchetti, 4020 m). Ci si cala con due doppie di 20 metri alla base delle rocce (altrimenti III). Seguendo il pendio si arriva alla capanna Marco e Rosa alla Forcella di Cresta Guzza (3580 m). Traversando verso est sotto Zupò, Argient e Bellavista si giunge alla Forcella di Bellavista.
Di qui si segue la cresta della Fortezza verso Nord, effettuando passaggi in roccia in discesa fino al II o corde doppie (si seguono gli evidenti segnali rossi e le frecce sulle rocce che indicano gli anelli di calata). Giunti all'Isla Persa, tra le colate del Vadret da Morteratsch e Vadret Pers, uscendo dal ghiacciaio per 300/400 metri, si rimette piede sulla fronte del ghiacciaio scegliendo l'itinerario migliore tra i crepacci, i torrenti e le bedieres fino a giungere alla fine del ghiacciaio nel vallone di Morteratsch a 2000m.
Di qui per stradina si giunge alla stazione di Morteratsch donde in treno a Pontresina.


Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale