Plate Longe (Tete de) da Larche, anello

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Est
quota partenza (m): 1666
quota vetta/quota massima (m): 2790
dislivello totale (m): 1124

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 27/02/11

località partenza: Larche (Larche , 04 )

punti appoggio: Gite d'Etape de Larche

cartografia: IGN foglio 3538 ET Aiguille de Chambeyron in scala 1:25000

accesso:
Da Cuneo si raggiunge Borgo San Dalmazzo, quindi si risale interamente la Valle Stura di Demonte sconfinando in Francia per il Colle della Maddalena. Si scende in territorio francese per alcuni km fino a Larche, dove si può posteggiare.

note tecniche:
Esistono due itinerari per raggiungere la cima, lungo due valloni paralleli (possibilità quindi di anello) con difficoltà simili, anche se il vallon de Rofre è un po' più dolce (MR) ma presenta un tratto boscoso più lungo e noioso, mentre il Vallon de Font Crèse presenta un paio di strappi più ripidi (BR) fino al Pas des Manzes, in compenso il percorso è più aperto e panoramico.Dal Pas des Manzes alla cima la difficoltà è MR/MR+ Consigliabile quindi l'anello (se l'innevamento lo permette).
Possibilità inoltre di concatenare il Bec de l'Aigle 2815 m aggiungendo circa 400 m di dislivello.
Da valutare eventualmente le condizioni dei pendii finali in presenza di molta neve.

descrizione itinerario:
Dall'abitato di Larche 1675 m, 50 m dopo l'ex frontiera si scende al vicino Pont des Vaches 1666 m attraversando il torrente Ubayette.
Da qui si segue la mulattiera che sale immediatamente verso sinistra (SE) palina con indicazione Téte de Plate Longe (non farsi ingannare da tracce che proseguono in piano lungo il corso dell'Ubayette). Dopo alcune svolte lungo la mulattiera, solitamente ben battuta, si arriva ad un cartello indicatore (Tete de Plate Longe). Qui si aprono le due scelte possibili:
1. salita dal Vallon de Rofre
si prosegue seguendo il cartello e i segni di vernice sugli alberi, compiendo un lungo spostamento ascendente da sinistra verso destra, in un fitto lariceto (con scarsa visibilità questo percorso in assenza di tracce non è semplice). Si attraversa un canalone per poi continuare in un nuovo pendio boscoso di moderata pendenza, finchè i larici non si diradano e si entra nella parte mediana del vallone, da dove si vede distintamente la cima. Con pendenza dolce si sale al centro del vallone, finchè sulla sinistra non si individua l'evidente Pas des Manzes 2401 m, alla base del pendio-dorsale che proviene dalla cima. Si può raggiungere direttamente il colle con un breve tratto più ripido, oppure continuare per 200 m nel vallone per poi piegare a sinistra raggiungendo un dosso a monte del colle stesso. In entrambi i casi non resta che salire il pendio di moderata pendenza fino alla cima (ometto di pietre). Si può rapidamente raggiungere anche l'altra sommità della montagna, posta poco più a ovest e di pari altezza (attenzione alle cornici eventuali).

2.salita dal Vallon des Vaches-Vallon de Font Crèse (questo itinerario è in comune con il Bec d'Aigle, e presenta una parte boscosa meno fitta e lunga rispetto al Vallon de Rofre).
Dal cartello nel bosco si continua a salire con percorso più diretto in direzione sud, fra i larici, spostandosi poi leggermente a sinistra (Est) per aggirare un costone ed entrare in una bella radura con un grosso masso al centro. Si continua al centro della conca, entrando in una seconda fascia boscosa che a sua volta precede una seconda conca più aperta. Qui si nota di fronte un pendio un po' più ripido, alla base della Crete des Chamois (occorre prestare attenzione a questo tratto in caso di pareti laterali cariche). Superato il pendio-canalone si guadagna una conca pianeggiante nel Vallon de Font Crèse a circa 2300 m. Qui si tralascia la prosecuzione del vallone, e ci si sposta in lieve discesa a destra, per arrivare alla base di un breve ma ripido pendio che adduce al Pas des Manzes 2401 m. Una volta raggiuntolo si segue il pendio-dorsale fino in cima come da itinerario 1.
Discesa per uno dei due percorsi.

altre annotazioni:
La Tete de Plate Longe è una classica scialpinistica molto adatta anche per le racchette, ed è situata in valle Ubayette.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Plate Longe (Tete de) da Larche, anello - (0 km)
Parassac (Tète de) da Larche per il Vallon de Parassac - (0 km)
Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da Larche per il Colle Sautron - (0.3 km)
Fer (Tète de) da Maison Meane per il Vallon de Corrouit - (1.7 km)
Lievre (Bec du) da le Pontet per la Cima de Palets e il Rocher Peyron - (4.2 km)
Remy (Col) e Col de la Gypiere da le Pontet, giro del Bec du Lievre - (4.2 km)
Enclausetta (l’) da le Pontet per la Val Fourane - (4.2 km)
Dure (Tete) da le Pontet per il versante Sud - (4.2 km)
Cavale (Pas de la) da le Pontet per il Vallone del Lauzanier - (4.3 km)
Lauzanier (Bosse de) da Le Pontet per la Val Fourane e il Col du Quartier d'Aout - (4.3 km)
Ventasuso (Monte) da le Pontet per la Val Fourane e la Cresta N dalla Cima Vallonetto - (4.3 km)
Lauzanier (Lac du) dal Colle della Maddalena - (4.4 km)
Pierassin (Monte) da le Pontet, per il Vallone del Rio Oronaye - (4.4 km)
Viraysse (Monte) o Cime de la Coste du Col da le Pontet per il Col de la Gipiere de l'Oronaye e la cresta SE - (4.4 km)
Soubeyran (Monte) o Tete de l'Alp da le Pontet per il Colle delle Munie - (4.4 km)
Tre Vescovi (Rocca) da le Pontet per il Colle delle Vigne - (4.4 km)
Manse (Cima delle) e Tete Platasse da le Pontet - (4.4 km)
Alpette (Crete de l') da le Pontet per il vallone del Lauzanier - (4.4 km)
Vanclava (Monte) o Tète de Vauclave da le Pontet - (4.4 km)
Carrèe (Tete) da le Pontet per il Vallon de Lauzanier - (4.4 km)
Siguret (Tète de) da Meyronnes - (4.6 km)
Roir Alp da Saint Ours - (4.6 km)
Basse de Mary (Pointe) da Maljasset per il Vallon de Mary, il versante e cresta SO - (4.6 km)
Cuguret (Tète de) da Meyronnes - (4.7 km)
Viraysse (Tète de) da Saint Ours per il Col de Mallemort - (4.7 km)