Viraysse (Tète de) da Saint Ours per il Col de Mallemort

Viraysse (Tète de) da Saint Ours per il Col de Mallemort

Dettagli
Dislivello (m)
997
Quota partenza (m)
1775
Quota vetta/quota (m)
2772
Esposizione
Nord-Ovest
Grado
BR
Tipologia
Pendii ampi

Località di partenza Punti d'appoggio
Gite d'etape-auberge La Ferme de Saint Ours tel. 0033-492-843703

Note
Si tratta di un itinerario interessante che presenta qualche tratto potenzialmente soggetto a valanghe sotto i Torrioni di Saint Ours, dalle eventuali valanghe.
Nella parte alta potrebbero essere necessari piccozza e ramponi per il superamento di alcuni tratti ripidi.
Avvicinamento
Da Borgo San Dalmazzo si sale la valle Stura di Demonte, oltrepassando il confine del Colle Colle della Maddalena; si scende in territorio francese fino a Larche, si prosegue la discesa fino a Meyronnes, dove si stacca un bivio sulla destra che conduce al paesino di Saint Ours, dove si parcheggia l'auto.
Descrizione

Attraversato il paesino si prende una stradina che sale in diagonale verso destra (cartelli indicatori per la Tete de Viraysse e il Col du Vallonet). Si segue la stradina fino a quota 1900 m dove c’è un bivio, si deve seguire il sentiero che sale a sinistra (cartelli indicatori), supera inizialmente un boschetto di larici e poi taglia un pendio sottostante i Rochers de Saint Ours (tratto in cui occorre fare attenzione alla qualità e quantità della neve presente, rischio di eventuali valanghe). Si prosegue la salita nel Vallonet, tenendosi al centro, oltrepassato il Rocher du Piroulire si abbandona il vallone principale per volgere decisamente a destra, verso la ben visibile Tete de Viraysse che chiude il vallone. Si prosegue la salita dell’ondulato vallone (Mandia du Vall) fino a raggiungere la fortificazione quasi diroccata dei Baraquement de Viraysse 2503 m. Da qui ci sono due possibilità, da valutare in base alle condizioni della neve, l’itinerario tradizionale sale un pendio ripido a sinistra fino a raggiungere il Col de Mallemort 2558 m, poi raggiunto l’ampio crestone Nord-Ovest si sale lungo il filo fino a raggiungere la vetta della Tete de Viraysse 2772 m con l’omonimo forte.
La seconda possibilità consiste nel risalire direttamente i pendii soprastanti le Baraquement de Viraysse fino alla cima. Questa soluzione richiede neve ben assestata e compatta, in quanto il pendio è decisamente ripido ed è molto piacevole da risalire con i ramponi ai piedi.
Discesa dal percorso di salita.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
La Tete de Viraysse è nota anche per il forte posto in cima costruito dai militari francesi nel periodo della Seconda Guerra Mondiale, facente parte della linea Maginot. Non è stato teatro di grandi eventi bellici, solo nel giugno 1940, poche settimane dopo l'ingresso dell'Italia in guerra, i reparti italiani cercarono di conquistare la vetta e la fortezza ma furono respinti dalla controffensiva francese. Dopo l'armistizio, la fortezza venne ceduta alle forze dell'asse italo-tedesco e ritornò poi alla Francia con la fine della guerra.
Cartografia:
IGN foglio 3538 ET Aiguille de Chambeyron in scala 1:25000
ste_6962
08/01/2006
15 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1760m 5.6Km

Larche

Link copiato