Gran Cocor (Cima) dal Lago del Serrù per il Colle della Losa

Gran Cocor (Cima) dal Lago del Serrù per il Colle della Losa

Dettagli
Dislivello (m)
850
Quota partenza (m)
2245
Quota vetta/quota (m)
3031
Esposizione
Est
Grado
EEA

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Ballotta

Note
Occorre arrivare al Lago del Serrù dopo Ceresole Reale nella Valle dell'Orco
Descrizione

Superato il parcheggio estivo al Lago del Serrù ed alcuni tornanti, all’altezza di un edificio adibito a museo, (antenne ripetitori sul tetto!!!), sulla sinistra si trova un parcheggio con un grande cartello di legno che indica il Sentiero del Colle della Losa.
Si può iniziare o con il sentiero Lungo Lago a sinistra (che incrocia il sentiero alto poco prima del Rifugio della Ballotta), oppure seguire il sentiero che risale il pendio erboso della q. 2401 e continua a mezza costa, questo è indicato al parcheggio (in alto a destra) da un palo con frecce di legno.
Il sentiero sale alto sulla sponda settentrionale del bacino artificiale, accostandosi ad una bastionata rocciosa.
Seguendone la base ci si porta con un’ultima breve salita nei pressi del Piccolo Colluret, lo si attraversa e per una breve scalinata si raggiunge il Rifugio della Ballotta.
L’ultimo tratto è attrezzato con corde fisse e scalini di tondino d’acciaio; anche la parte successiva che porta al Pian della Bellotta è attrezzato.
Raggiunto il ponte sulla cascata del piano, dirigersi verso OSO e risalire un lungo cono di deiezione di pietrame instabile, puntando ad un colatoio ben marcato dalla barriera rocciosa sommitale. Alla base di questa inizia l’ultimo faticoso tratto ripido che porta al colle; anche questa parte è attrezzata con corde fisse e scalini in acciaio.
Dal Passo della Losa in circa 15’, seguendo fedelmente le modeste asperità della cresta, si raggiunge la vetta.
Evitare l’aggiramento delle asperità, tratto molto esposto. Tutto il percorso è ben segnato da tacche rosse, targhette bianche-rosse con la scritta La Memoria delle Alpi, targhette Parco Nazionale Gran Paradiso/Vanoise e moltissimi ometti.
Escursione da non sottovalutare per i tratti molto esposti e ripidi, con neve diventa difficile seguire il tracciato, con ghiaccio diventa infido. Se non si è abituati al vuoto è meglio avere l’attrezzatura per le ferrate.

Variante di discesa: Volendo si può effettuare la traversata della Cima Gran Cocor. Dalla Cima Gran Cocor si scende verso N in pochi minuti al Passo di Galiisia su facile sentierino. Al passo un cippo ricorda un episodio della guerra partigiana. Dal colle volgere ad E e dopo pochi passi si scende su rocce quasi verticali x circa 10 metri. C’è una catena che può aiutare ed una sosta attrezzata per una eventuale doppia (consigliabile). Da qui per pendii prima ripidissimi e poi via via meno ripidi ci si può congiungere con l’itinerario di salita ad una quota di 2700/2800m.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC 102 1:25000
gulliver
01.08.2020
7 giorni fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
13 anni fa
14 anni fa
17 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato