Aiera (Monte) da San Giacomo

Aiera (Monte) da San Giacomo

Dettagli
Dislivello (m)
1503
Quota partenza (m)
1210
Quota vetta/quota (m)
2713
Esposizione
Varie
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Escursione da fare solo in condizioni di ottima visibilità evitando le ore più calde . Il percorso di salita è davvero ostico per i piedi e le giunture in genere e molto monotono. Tuttavia la vista dalla vetta ripaga della faticaccia per salire. Si può anche considerare un ottimo allenamento per la resistenza muscolare perchè i 1500 m di dislivello sono assolutamente continui ... Anche perchè la lunghezza della salita è poco meno di 7 km (registrato col GPS) e quindi si ha una pendenza media del 20% ....

Descrizione

La salita si svolge interamente su “tracce” di sentiero completamente immerso nell’erba e poco segnalato (questo giro non è da fare in caso di nebbia); anzi è molto facile trovarsi in mezzo all’erba alta avendo completamente perso di vista anche la traccia. La traccia parte dal Gias Aiera e risale (con qualche tornante o alla bella meglio) un primo infinito pendio erboso fino a quota 1942 dove si raggiunge una sella. Da lì si traversa a mezza costa con passaggio leggermente esposto in modo da oltrepassare due rigagnoli (gorgie) separati da ripidissimo pendio erboso (SEMPRE ERBOSO…). Quindi si aggira una bastionata rocciosa soprastante e si risale l’intero pendio su tracce di tornanti fino a percorrere una lunghissima diagonale che porta in cresta (m 2350 circa). Gli ultimi 350 metri si risalgono per terrazzette erbose con qualche ometto di segnalazione. L’ultimo tratto, un largo canale erboso sotto la vetta è davvero ripidissimo e faticoso. Usciti dal canale si raggiunge velocemente la vetta con una bella Madonnina e due pannelli solari che accendono una lampadina sopra di lei. Da lì vista è splendida sul paese di Entracque da una parte, sul gruppo del Gèlas dall’altra e sulla Serra dell’Argentera dall’altra ancora.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Interessante l'origine del toponimo, che deriva da "aigliëro" (luogo dove nidifica l'aquila).
max1971
14/09/2019
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
13 anni fa

Tracce (1)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 2020m 6.1Km

Diga del Chiotas

Stazione Meteo
Link copiato