Grand'Hoche Parete Nord - Goulotte Grassi

difficoltà: TD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1398
quota vetta (m): 2850
dislivello complessivo (m): 1452

copertura rete mobile
3 : 80% di copertura

contributors: lucius
ultima revisione: 17/01/20

località partenza: Chateau Beaulard (Oulx , TO )

punti appoggio: rifugio Guido Rey

bibliografia: http://www.altox.it/ValsusaGhiaccio/couloir.htm

accesso:
Si lascia l'auto nel paesino di Chateau Beaulard (1398 mt) e si risale lungo il ripido sentiero che in breve conduce al rif. Guido Rey. Superato il rifugio, si cammina lungo le dismesse piste da sci sino ad incontrare un gabbiotto, un tempo punto sommitale degli impianti. Superarlo e dirigersi in breve verso la cima di un promontorio. Da qui si inizia a obliquare verso destra, oltrepassando dei conoidi nevosi in direzione della parete e della cascata che diventa man mano più visibile. (2.h/2h30 a seconda dell' innevamento).

note tecniche:
Magnifica ascensione in ambiente: nel suo insieme varia, complessa e di soddisfazione. Non molto ripetuta nella sua interezza, sebbene sia da annoverarsi come la più bella e impegnativa salita invernale della Valle.
Da affrontarsi con condizioni del manto nevoso assestate. Occorre inoltre prestare attenzione anche alle cornici sommitali, sovente di dimensioni considerevoli.

MATERIALE: 10 viti da ghiaccio, chiodi da roccia, scielta di friends fino al #2 camalot (utile raddoppiare le misure intermedie qualora la goulotte fosse secca), qualche nut.
La via è completamente schiodata.

descrizione itinerario:
SALITA:
Raggiunta la base, si supera la crepaccia terminale (presente benchè il ghiacciaio sia oramai svanito) e si sale il primo risalto ghiacciato.
Un tratto di canale conduce al muro centrale della cascata che si supera con 2 tiri di corda (resti di vecchie soste, ma preferibile confezionarle su ghiaccio).
Da qui, se si cecide di continuare, proseguire lungo il canale che come un imbuto si restringe fino a raggiungere una parete rocciosa su cui conviene allestire una sosta.
Si entra così nella stretta e impervia goulotte scovata da Grassi: l'ingresso è ostruito da un passo che richiede decisione, seguono tratti di misto più o meno difficili a seconda delle condizioni. Si sosta a piacimento. Ancora un passo delicato, e si accede al canale nevoso vero e proprio che diviene via via più verticale fino a raggiungere un' ultima sezione rocciosa.
Superata quest'ultima, si esce dalla gouotte per raggiungere il pendio sommitale che conduce alla vetta

DISCESA:
Dalla Vetta dirigersi in direzione della punta Grand Hoche e scendere lungo i pendii per raggiungere il sottostante passo dell' Orso. Dirigersi lungo l' esposto canale (quello lato Clotesse) cercando di stare il più possibile contro la parete rocciosa. Reperire una sosta su spuntone da cui conviene attrezzare una doppia da 60 mt.
continuare lungo il canale, via via meno ripido fino a raggiungere la base della parete. Traversare in direzione w fino a reperire le tracce di salita.