Zerbion (Monte) Cresta SE, Via delle Roccette

Zerbion (Monte) Cresta SE, Via delle Roccette

Dettagli
Dislivello (m)
850
Quota partenza (m)
1890
Quota vetta/quota (m)
2722
Esposizione
Varie
Grado
AD-

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Avvicinamento da ricercare, abbastanza faticoso su terreno non segnato.
Avvicinamento
Dal parcheggio di Barmasc si segue la strada sterrata con indicazioni del sentiero che sale per la normale dello Zerbion. Dopo pochi minuti raggiunto un prato con ponte in legno si lascia la strada e si prende sulla sinistra il ruscello che conduce al pozzo piezometrico (cartello indicatore). Lo si costeggia fino al secondo ponticello di legno. Iniziare a risalire il bosco su tracce di sentiero fino alla poderale. Seguire la poderale fino alla seconda curva marcata verso sx (un 250 m prima di arrivare al caseggiato del pozzo). Si attacca il canalone su tracciolino di sentiero per 100 m di dsl. Si raggiunge un pianetto (ometto) e ci dirige a sx in falso piano. Si valica il crestone alberato (la discesa dall'altro versante è un po ' esposta ma comunque sempre su traccia di sentiero con ometti) e si punta al colle ormai evidente.
Descrizione

Dal colle inizia subito la cresta da percorrere. Ci si porta sotto le prime roccette e si inizia a risalire senza percorso obbligato cercando però di rimanere il più possibile sul filo di cresta. Si passano i primi salti facili in cui si può procedere in conserva o slegati fin quando iniziano le difficoltà più serie.

Si incontra un primo saltino un po’ esposto (II+)  a cui segue un tratto affilato protetto da un chiodo. Si giunge quindi alla base di un muretto di 6-7 m articolato in basso, più liscio in alto (1 ch.) con uscita con poche prese (III+).

Si arriva quini al passo chiave della via: una lama molto aerea dove alla base sulla sinistra sono presenti 2 chiodi di sosta. Poco più in alto sempre sulla sinistra della lama faccia a monte è presente un altro chiodo e un cordone. Integrabile facilmente con friend medi la si risale interamente fino a trovare un altro chiodo + un cordone utile per sosta (20m III/IV).

Segue ancora un tratto affilato facile e un ultimo breve muretto che si supera sulla dx o sulla sx (esposto, chiodo alla base, III+).

Senza più nessuna difficoltà si supera l’ultimo torrione con arrampicata semplice si guadagna l’anticima dello Zerbion. Da lì in pochi minuti si arriva in vetta dove c’è la statua della Madonna.

Il rientro viene fatto agevolmente per il sentiero n.2 che porta al Col Portola da dove in circa un’ora si torna comodamente al parcheggio.

Le tempistiche per la parte di cresta possono variare molto a seconda delle condizioni e delle capacità delle cordate. Calcolare comunque tempi dalle 2 alle 3 ore per cordate ben formate.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
brusa
10/10/2021
2 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
10 anni fa
11 anni fa

Tracce (1)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1740m 1.9Km

Antagnod

Webcam
Stazione Meteo 1380m 4Km

Brusson – Extrapieraz

Webcam 1500m 5.8Km

Champoluc – paese

Webcam
Stazione Meteo 1566m 6.5Km

Ayas – Champoluc

Webcam 1644m 6.6Km

La Magdeleine

Webcam
Stazione Meteo 1288m 7.1Km

Brusson – Tchampats

Webcam 2018m 7.1Km

Chamois – Lago di Lod

Webcam
Stazione Meteo 2020m 7.2Km

Chamois – Lac de Lou

Stazione Meteo 626m 7.3Km

Saint-Vincent – Terme

Link copiato