Zerbion (Monte) Cresta SE, Via delle Roccette

Zerbion (Monte) Cresta SE, Via delle Roccette
La gita
becco
3 14/08/2019

L’avvicinamento è un po’ un ravano. Il sentiero c’è e non c’è, tuttavia non si sbaglia mai di troppo, perchè è ben evidente il punto da raggiunggere e sul percorso sono presenti diversi ometti.
I primi due terzi della cresta sono lunghi e poco significativi: attorno al II/II+ su roccia e erba. In questa parte si trova un passaggio abbastanza esposto da camminare sul filo di cresta (1 chiodo) e un salto in discesa da affrontare in leggera spaccata. sinceramente non ricordo se prima l’uno e poi l’altro. comunque si sta nei pressi del filo di cresta per evitare di risalire tratti di prato ripidissimi.
Nella parte finale, ormai in vista della vetta, si incontrano le difficoltà maggiori, ovvero:
un murettino con licheni gialli, affrontato a destra (III), seguito da un tratto più facile che porta a una sosta a chiodi (l’unica).
qui inizia il tiro della famosa “lama”. Di seguito racconto come l’abbiamo affrontato (potrebbe non essere la maniera migliore): dalla sosta si risale facilente circa sul filo fino a dove questo si presenta verticale e si incontra un chiodo a sinistra. a questo punto abbiamo attraversato orizzontalmente a sinistra per circa 4 metri (IV, proteggibile con friend) per trovarsi sotto la verticale della sosta a cordoni, che si raggiunge salendo verticalmente per circa 8 metri (III). Da qua un tratto più facile ma abbastanza esposto (si protegge su spuntoni) porta a una placca con chiodo, seguita da muro verticale. Noi l’abbiamo affrontato a sinistra (ma non sono affatto sicuro che sia il modo migliore) rimontando una sorta di diedro bianco un po’ faticoso (passo IV, proteggibile con friend), per poi fare sosta un po’ dove si vuole su spuntoni. Da qui diventa tutto più facile e si esce sulla comoda anticima. In 5 minuti scarsi si è in cima

Link copiato