Militi (Parete dei) Diedro Giallo

Militi (Parete dei) Diedro Giallo

Dettagli
Altitudine (m)
1700
Dislivello avvicinamento (m)
50
Sviluppo arrampicata (m)
350
Esposizione
Est
Grado massimo
6b
Difficoltà obbligatoria
5c
Difficoltà artificiale (se pertinente)
a0

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio III Alpini o Re Magi, Grange di Valle Stretta. Alberghi a Bardonecchia

Avvicinamento
Parcheggiare l'auto al settore Tao al Piano dei Militi.

Dal parcheggio, settore Tao, costeggiare la parete verso sud fino al cono detritico, risalirlo seguendo la traccia (ometti) per 3/4 della sua altezza. La via attacca a destra del cono in corrispondenza di una evidente macchia rossa (nome) 10 minuti.
Note
L'itinerario rivisto e chiodato rispecchia quello originale, sono stati aggiunti tre tiri che permettono di uscire alla sommità della parete.
La via è stata richiodata nell'estate 2015 dalla Scuola Guide Alpine Valsusa seguendo le linee del "progetto di rivalorizzazione della Parete dei Militi" condiviso e finanziato dal comune di Nevache.
Un ringraziamento a Bruno Lomello per la collaborazione nella faticosa pulizia della parete e al Rifugio III Alpini per il supporto logitico.

Materiale: 2 corde da 50m, 13 rinvii, cordini per unire i punti sosta, qualche fettuccia per allungare le protezioni, casco.
La via è attrezzata con fix 10mm e chiodi. Soste con due punti con anello da unire.
Copertura gsm, segnale da S3 in poi

Suggerimenti:
si consiglia di frequentare l'itinerario dopo la metà di giugno e di non attaccare la via con cordate ancora impegnate nella prima parte (diedro di 90m)
Descrizione

Per la descrizione tiro per tiro si veda lo schizzo allegato (foto).

Discesa:
discesa a piedi, all’uscita della via risalire per prati per 30m, poi seguire gli ometti in direzione N-O fino a raggiungere il sentiero GR57/GR5 che dal Col di Thures porta alle Grange di Valle Stretta.
Discesa in doppia, sconsigliata (poco agevole e con rischio di incastrare le corde) è comunque possibile utilizzando le soste della via ( due punti separati con anello tranne S3bis)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Aperta da Giacomo Menegatti e Guido Rossa nel 1953
Cartografia:
IGN 3535OT Nevache Mont Thabor
Bibliografia:
Guida dei monti d'Italia, Alpi Cozie Settentrionali
piero-bertotto
22.07.2020
2 settimane fa
3 settimane fa
11 mesi fa
12 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa

Condizioni

Link copiato