Maniglia (Monte) da Grange Collet

Maniglia (Monte) da Grange Collet

Dettagli
Dislivello (m)
1171
Quota partenza (m)
2006
Quota vetta/quota (m)
3177
Esposizione
Tutte
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Campo Base 1650 m

Note
Maniglia è toponimo della voce provenzale manèio che ne evidenzia la forma curva, ansata, di importante punto nodale.
La strada sterrata da Chiappera alle Grange Collet è percorribile solitamente con auto normale anche se presenta tratti piuttosto dissestati.
Descrizione

Da Chiappera si segue la sterrata fino alla Grange Collet 2006.
Da qui seguire il GTA per il colle di Bellino, attraversando il torrente sul ponticello di legno, per poi imboccare il sinuoso vallone fino ad un vasto pianoro con una baita isolata.
Si prosegue seguendo il sentiero principale (segni bianco-rossi) fino alla quota 2430 m circa, dove si incontra una palina di legno (scritta sbiadita) con indicazione del Maniglia. Si lascia il sentiero principale per seguire la traccia a sinistra inoltrandosi nella Valle di Ciabriera, inizialmente salendo per un pendio un po’ scosceso ma facile che dà accesso ad un bel ripiano con alcuni piccoli laghetti. Si segue la traccia principale seguendo gli ometti e i quadri rossi un po’ sbiaditi ma evidenti sulle pietre, si passa in alto rispetto alla morena di un antico ghiacciaio ben visibile a sinistra. Il sentiero sale verso destra raggiungendo una dorsale erbosa, raggiungendo lo spartiacque Maira-Varaita presso la depressione detta Bassa di Terrarossa 2838 m. Si segue ora a sinistra il crinale molto panoramico che prima tocca l’anticima a quota 3030 m, poi dopo un breve tratto pianeggiante, si arriva alla base del pendio conclusivo, un po’ faticoso per il terreno friabile di terra e detriti fino al primo grosso ometto della cima.
Per la punta vera e propria bisogna proseguire qualche metro seguendo la traccia in cresta, e per roccette si arriva alla vera cima, senza difficoltà senza neve o ghiaccio.
Discesa lungo il percorso di salita, oppure raggiunta la dorsale sotto la bassa di Terrarossa, si può scendere nel canalone di sinistra, solcato da vaghe tracce e ometti, che porta al pianoro a circa 2500 m con i laghetti incontrato all’andata.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
makalu64
02/09/2021
2 settimane fa
1 anno fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
13 anni fa
14 anni fa

Tracce (1)

Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 2010m 350m

Acceglio Collet

Stazione Meteo
Link copiato