Venezia (Punta) Via dei Torrioni

Venezia (Punta) Via dei Torrioni

Dettagli
Altitudine (m)
2730
Dislivello avvicinamento (m)
700
Sviluppo arrampicata (m)
350
Esposizione
Sud-Est
Grado massimo
6a
Difficoltà obbligatoria
5c

Località di partenza Punti d'appoggio
rif. Giacoletti

Note
La via attraversa le grandi placche della parete Sud-Est per raggiungere il filo dei torrioni rossastri che conducono poco sotto al bivacco posto a pochi metri dalla vetta. Ottimo itinerario per gli amanti del 4°.
Descrizione

La via è stata completamente attrezzata a fix fino in vetta. Dalla sosta 5 è possibile scendere in doppia lungo l’itinerario di salita. Necessarie corde da 60 metri (da 50 si arriva un po’ corti in un paio di tiri) e 12 rinvii. Nuts e friends non necessari. Tempo di salita: circa 4-5 ore.

Relazione (molto precisa) tratta dal sito del Giacoletti.

Dal Rifugio attraversare nevai residui e pietraie alla base del Coulour del Porco raggiungendo l’attacco della via nel punto più basso della parete, 15 minuti.
L1 30 m. Salire le placche levigate dall’erosione glaciale e il diedro caratterizzato da grossi dadi rocciosi fino alla cengia erbosa. 4b, 4c
L2 40 m. Pochi metri a destra poi salire le placche via via più compatte, superare il breve ma intenso bombé per continuare sulla placca a réglettes. 4c, 6a oppure 5c e A0
L3 40m. Continuare sulla placconata ripida ma con prese nette. 4c, 5a
L4 40m. Superare l’ultima parte della placca fino ad una comoda cengia erbosa alla base di un caratteristico strapiombo. 4c
L5 35m. Superare lo strapiombo per una fessura-camino e raggiungere la base di un torrione. 4b, 4c
Da questa sosta è possibile scendere in doppia lungo la via.
L6 35m. Salire a destra del torrione raggiungendo la cresta. 4b
L7 35m. Corta placca ripida poi seguire la cresta. 5a, 3c
L8 40m. Continuare in cresta superando alcuni brevi risalti. 3c
L9 55m. Attraversare il couloir alla base di un bel torrione e proseguire sulla lunga placconata. 4c, 3c
L10 35m. Continuare sulla placca ora più verticale poi riprendere la cresta e seguirla sul lato destro. 4c
L11 35m. Continuare lungo la cresta e raggiungere l’ultimo punto di sosta nel marcato e panoramico intaglio alla base di un salto verticale. 3c

Attraversare pochi metri sulla cengia per raggiungere il crestone pianeggiante e la traccia della via Normale. In circa 10 minuti per pietraie o residui di nevai si raggiunge il Bivacco e con un breve passo di arrampicata la croce della Venezia.

Discesa: dalla vetta raggiungereil Colle del Coulour del Porco a 2920 m, di qui seguendo il percorso della via ferrata e un breve tratto di sentiero si raggiunge il rifugio Giacoletti. A inizio stagione sono indispensabili scarponi e piccozza per la discesa del Coulour del Porco.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
1ª salita: Ugo Griva, Eraldo Quero 14 settembre 1974
mella
12.08.2017
3 anni fa
5 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
12 anni fa
13 anni fa
14 anni fa
18 anni fa
Risorse nelle vicinanze
Panoramica 3841 mamsl 4Km

Monviso (Monte Viso)

Webcam 2350 mamsl 4.3Km

Pontechianale – Rifugio Vallanta (Solo Estiva)

Webcam 1700 mamsl 4.8Km

Crissolo – Pian della Regina

Webcam 1800 mamsl 6Km

Crissolo – arrivo seggiovia

Stazione Meteo 2150 mamsl 6.1Km

Pian Giasset

Webcam 2200 mamsl 7.9Km

Pontechianale – Arrivo seggiovia

Webcam 1732 mamsl 9.1Km

Bobbio Pellice – Rifugio Jervis

Webcam 1300 mamsl 9.5Km

Crissolo – centro

Link copiato