Lupo (Cima del) da Chianale per il Col Longet

Lupo (Cima del) da Chianale per il Col Longet

Dettagli
Dislivello (m)
1256
Quota partenza (m)
1876
Quota vetta/quota (m)
3132
Esposizione
Varie
Grado
EE
Sentiero tipo, n°, segnavia
sentiero U21 fino al Col Longet, poi nessuna traccia

Località di partenza Punti d'appoggio
Bivacco Enrico Olivero al Col Longet 2648 m

Avvicinamento
Si risale tutta la Val Varaita fino a Casteldelfino, poi si devia a destra per Chianale e Pontechianale. Si arriva al pianoro oltre Chianale dove si posteggia a bordo della strada nel grosso piazzale limitrofo al ponticello.
Note
Salita priva di difficoltà, anche se dopo il Col Longet non si trovano più tracce di sentiero o indicazioni e pochissimi ometti. Sconsigliata in caso di nebbia e scarsa visibilità.
Descrizione

Si prosegue a piedi lungo la stradina asfalta per una manciata di minuti, fino a giungere ad uno spiazzo sterrato dove ci si mantiene a sinistra senza attraversare il ponte, e si raggiunge l’inizio del sentiero U21 per i laghi e il Col Longet. Il bel sentiero inizia a salire nel bosco con numerose serpentine, che fanno prendere subito quota. Usciti dal bosco si prosegue a risalire una zona di pascoli e massi, spostandosi poi verso destra per entrare bel Vallone Antolina. Si toccano i ruderi delle Grange Antolina, e quindi si piega a sinistra per superare la balza sovrastante. Si raggiunge un colletto poco oltre il quale ci si può affacciare sul meraviglioso Lago Bleu. Tralasciati i sentieri a sinistra per il Lago Nero e Tour Real, si continua a destra costeggiando il lago, al termine del quale il sentiero riprende a salire, oltrepassando la bastionata di rocce che precede il Col Longet 2660 m con il Bivacco Enrico Olivero. Qui si deve trascurare la deviazione di destra che indica il Colle del Lupo (porta al vallone compreso tra la Cima di Pienasea e la Cima del Lupo), ma si prosegue lungo la traccia principale in leggera discesa in territorio francese. Lasciato alle spalle il Lago Bes, e prima di arrivare al Lac Longet, si attraversa verso sinistra il pianoro erboso/acquitrinoso, direzione est, puntando a raggiungere un ampio dosso-crestone di affioramenti rocciosi biancastri (quarzite) che si mantiene parallelo al corso del ruscello che si immette nel Lac Longet. Qui si trovano alcuni ometti, ma anche senza individuarli è sufficiente salire liberamente per terrazzi di rocce e piccoli ripiani erbosi, senza alcuna difficoltà. Quando questa fascia rocciosa termina, ci si sposta leggermente verso destra per evitare di perdere quota, e si guadagna il filo detritico che sovrasta il bellissimo Lac du Loup (in basso a destra). Si continua quasi in piano portandosi al centro del pendio di detriti e sfasciumi proveniente dalla ormai vicina Cima del Lupo. Seguendo alcuni ometti e vaghe tracce, senza comunque passaggi obbligati, si risale il faticoso pendio che conduce in cima, puntando alla cresta a sinistra di quest’ultima, dove il terreno diventa più solido. Da qui in pochi istanti piegando a destra sull’ampia dorsale si tocca la cima (ometto) delimitata da un muretto circolare che offre un buon riparo in caso di vento.
Discesa per il percorso di salita.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Fraternali 1:25000 n.11 Alta Val Varaita, Val Maira
andrea81
09.09.2020
3 settimane fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
11 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato