Cou (Tete de) da Machaby

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Ovest
quota partenza (m): 600
quota vetta/quota massima (m): 1410
dislivello salita totale (m): 810

copertura rete mobile
vodafone : 70% di copertura
3 : 80% di copertura

contributors: stealb
ultima revisione: 22/03/10

località partenza: Machaby (Arnad , AO )

punti appoggio: Agriturismo Dzerby a Machaby

accesso:
ad Arnad sulla statale 26 si seguono le indicazioni per Machaby; dopo circa 1 km si svolta a destra, sempre in direzione di Machaby, sino ad incontrare la partenza del nostro itinerario indicata da una palina segnaletica relativa al Sentiero #4: dopo un centinaio di metri, al termine della strada, si trova un ampio parcheggio.

note tecniche:
Facile camminata su strada militare e mulattiera di interesse naturalistico: si passa dal bosco di castagni a quello di faggi, alle betulle e larici; e anche di interesse storico per il santuario di Machaby e i numerosi manufatti (oramai in rovina) militari che si incontrano lungo tutto il percorso.

descrizione itinerario:
Imboccata l'ampia mulattiera lastricata che conduce a Machaby, si prosegue, superando un torrente su di un ponte in legno, e si entra nel bosco di castagno. Si prosegue per qualche minuto sino a raggiungere il Santuario di Machaby (691 m).
Si prosegue ora lungo la stradina ed in pochi minuti si raggiunge la località detta "Pradouegne" (agriturismo "Lo Dzerby") per poi proseguire verso i resti della fortificazione del Tenente Lucini (717 m) che diventerà a breve un ostello. Poco dopo si incontra il bivio per discendere verso Bard; si va invece a sinistra lungo la comoda strada militare verso i resti della "Batteria Machaby" (843 m). Si continua lungo la bellissima mulattiera lastricata, incontrando ancora un paio di casolari ristrutturati. Dopo alcuni tornanti si incontra il bivio (899 m) per il Pilastro Lomasti. Si trascura questa deviazione e si procede ancora all'interno del bosco ove la mulattiera prima ed una stradina appena risistemata poi salgono con una serie infinita di svolte. Si raggiungono infine le case di La Cou (1379 m). All'altezza di una casa ristrutturata si svolta a destra e si percorre un sentierino che, con una serie di saliscendi, raggiunge la Tête de Cou (1410 )
Dalla cima interessanti scorci panoramici sull'alto Canavese, la bassa valle, il forte di Bard e il lontano Grand Combin.
Il ritorno avviene per la medesima via dell'andata.