Cou (Tète de) da Albard di Bard

Cou (Tète de) da Albard di Bard

Dettagli
Dislivello (m)
775
Quota partenza (m)
650
Quota vetta/quota (m)
1425
Esposizione
Sud-Ovest
Grado
E
Sentiero tipo, n°, segnavia
1

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Da A5 Torino-Aosta, uscire a Pont Saint Martin e proseguire a SX per Donnas, dove si svolta a destra per stradina asfaltata in salita (Attenzione, non prendere la prima strada indicata, bensì la seconda in prossimità del borgo medioevale).
Si supera Albard di Donnas e si prosegue fino a Albard di Bard (fine strada).
Note
Bellissima escursione su una mulattiera di chiara origine militare la quale, con possenti contrafforti in pietra a secco, si inerpica arditamente sugli strapiombi rocciosi sottostanti l'alpeggio di Verale.
Vista eccezionale sul forte di Bard, sull'area del Monte Avic e sulle vette di Champorcher.
L' area sommitale è costellata di ruderi di baraccamenti e trinceramenti, perfettamente leggibili anche da satellite (http://goo.gl/maps/WxuTK), i primi dei quali risalgono all'epoca napoleonica.
Escursione ideale d'inizio o fine stagione in virtù dell' esposizione particolarmente favorevole. Nonostante l'aspetto arido e la natura rocciosa del terreno, l'itinerario è costellato da simpatiche sorgenti d'acqua e fontane.

PS: E' possibile partire direttamente da Bard (sentiero che parte dalla statale, poco a monte del ponte pedonale che attraversa la Dora verso Hone) per il ripido e caratteristico sentiero che raggiunge direttamente Albard, aggiungendo 400 metri di dislivello all'itinerario
Descrizione

Da Albard di Bard, si prosegue lungo la strada asfaltata che diviene sterrata a breve.
Si ignora dapprima una strada in salita sulla SX e successivamente, in prossimità di un impianto di captazione idrica, una mulattiera sempre sulla SX .
La strada diventa subito una spledida mulattiera lastricata che sale nel bosco di enormi castagni.
La si percorre su decise pendenze superando varie baite, ignorando quindi sia il sentiero non numerato che risale sulla sinistra in forte pendenza sia il ramo dello stesso sentiero in discesa sulla dx. Superato con un traverso d’alta ingegneria il bastione roccioso della parete (punto panoramico eccezionale) la mulattiera volge bruscamente a destra (nord-est) e raggiunge infine l’alpeggio di Verale (cappella con campanile caratteristico, fontane, forno ). Circa all’altezza della cappella si svolta a sinistra per riprendere la mulattiera che diviene nuovamente evidente dopo pochi passi. Superato un alpeggio isolato (fontana) e lasciati a sx i possenti ruderi di una fortificazione, si giunge in breve agli alpeggi del Col de Cou 1372 m. Da qui si svolta a sinistra per raggiungere gli evidenti ruderi di baraccamenti militari (Ricovero Capitano Muttoni), che si attraversano. Proseguendo per pochi minuti sulle tracce di sentiero che percorrono il vasto dosso sommitale prativo, si giunge infine in vetta .

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Il col de Cou venne attraversato dai soldati di Napoleone per prendere alle spalle il forte di Bard.
Cartografia:
IGC n° 9
joy
28.12.2019
8 mesi fa
10 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
9 anni fa
10 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
13 anni fa
14 anni fa

Tracce (3)

Condizioni

Link copiato