Gioffredo (Punta) da San Bernolfo

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BRA / F+   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Est
quota partenza (m): 1663
quota vetta/quota massima (m): 2960
dislivello totale (m): 1300

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: dario 67 luciastrek
ultima revisione: 03/06/14

località partenza: San Bernolfo (Vinadio , CN )

punti appoggio: Rifugio Dahu de Sabarnui a San Bernolfo

cartografia: Fraternali 1:25000 n.13 Alta Valle Stura di Demonte

accesso:
Da Cuneo seguire indicazioni valle Stura, Colle della Maddalena, prima dell'ingresso abitato di Pianche si gira a sx per Bagni di Vinadio dove una volta giunti si prosegue nel vallone fino a giungere a San Bernolfo con ampio posteggio; è anche possibile proseguire oltre sulla strada sterrata se le condizioni neve lo permettono.

note tecniche:
Piccozza e ramponi utili se non necessari per salire il versante est che porta sulla cresta.

descrizione itinerario:
Risalire il vallone di San Bernolfo dapprima pianeggiante poi in lenta salita seguendo il tracciato della sterrata e oltrepassare la Capanna Corborant 1885m , arrivati sotto il versante N/E del vallone salire stando al centro dove generalmente è meno ripido, spostandosi gradualmente a dx ai piedi dell' evidente sperone del Beccas di Corborant, una volta superato seguire nuovamente il fondo del vallone e oltrepassare entrambi i laghi Lausfer, verso quota 2680 circa al termine del lago Superiore si svolta decisamente a dx si entra in un avvallamento per poi dirigersi verso la parete Sud del Gioffredo, giunti sul breve ripiano superiore si volge a dx e si sale una rampa non molto inclinata al termine della quale inizia un tratto ripido tra barre rocciose (questo tratto non è ben definibile e a seconda dell'innevamento può modificare, è possibile salirlo in più punti) si possono superare le barre da un breve canalino obliquo che sale verso sx per poi dirigersi verso una sporgenza rocciosa a livello della cresta dove una volta raggiunta ci si sposta e in breve si raggiunge la cresta. Primo tratto di cresta pianeggiante poi si affila con cornici e roccette superabile sul versante Sud fino a giungere sotto la cima, breve arrampicata di pochi metri e si giunge sulla vetta; questi ultimi cento metri lineari si possono considerare come difficoltà PD- .