Planetta (Cima) o Punta di Valle Stretta (la Gringoil) da Grange di Valle Stretta

Planetta (Cima) o Punta di Valle Stretta (la Gringoil) da Grange di Valle Stretta

Dettagli
Dislivello (m)
976
Quota partenza (m)
1765
Quota vetta/quota (m)
2641
Esposizione
Sud-Est
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio III Alpini, rifugio Re Magi

Avvicinamento
Da Bardonecchia si sale al Pian del Colle e si segue la carrozzabile di valle stretta sino al suo termine, dopo circa 5 km a quota 1750 mt.,si parcheggia poco prima dei due rifugi.
Note
Montagna prevalentemente detritica, buon panorama sul gruppo del Thabor , si sale in circa 30 minuti dal colle di Valle Stretta. si puo'anche salire facilmente dal colle di Fontaine Froide mt.2514, abbandonando il sentiero del colle di Valle Stretta ad una quota di circa 2350 mt. e svoltando a destra per prati.
Descrizione

Dalle Grange di Valle Stretta si segue il sentiero centrale o la carrozzabile che raggiungono in 45 minuti il pian della fonderia a mt.1911,
poco prima della cascata si attraversa a destra su un ponte il rio del Desinare (indicazioni colle di Valle Stretta) e si supera un primo tratto ripido a cui segue un primo ripiano. Si risale nuovamente un tratto piu’ ripido raggiungendo il lungo pianoro quotato mt.2143, lasciando alla propria destra un piccolo laghetto. Si prosegue su percorso pianeggiante lasciando a sx la traccia per il lago Peyron e si scende leggermente verso destra ad attraversare su un ponticello di metallo il torrente Tavernetta. Si risale ripidamente il pendio opposto e con salita più ‘moderata dopo aver superato alcuni ripiani erbosi si raggiunge il colle di Valle Stretta mt.2446.
Dal colle si svolta a destra puntando verso il pendio erboso/ detritico della cima Planetta, lo si risale faticosamente per il detrito cedevole, passando a destra di un roccione. Poco piu’ in alto si ritorna a sinistra ad afferrare la cresta ovest/sud/ovest che diventa via piu’sottile e conduce in pochi minuti in vetta.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
L'unico itinerario considerato alpinistico di questa vetta e' la cresta Nord-nord est, che venne superata il 27 Giugno 1926 da Eugenio e Giulio Ferreri con Alfredo Sacchi.
Cartografia:
Igc Bardonecchia Monte Thabor Sauze d'Oulx, Ign Nevache Bardonecchia 1:25000
Bibliografia:
Cai/Tci Alpi Cozie Settentrionali, Aruga/Losana/Re
maxfield
12/10/2019
1 anno fa
4 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato