Giuditta (Torrione)

Giuditta (Torrione)

Dettagli
Altitudine (m)
1200
Dislivello avvicinamento (m)
200
Sviluppo arrampicata (m)
100
Esposizione
Sud-Est
Grado massimo
4
Difficoltà obbligatoria
3

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Il torrione è stato salito per la prima volta da alcuni alpinisti pinerolesi, tra cui Dino Genero, nel 1963.
Di forma triangolare, è l’ultimo cospicuo affioramento roccioso a destra del Torrione Talucco e della Torre Grigia e a sinistra del Colle Sperina.
Offre una facile e piacevole arrampicata su passaggi sempre brevi e poco esposti, particolarmente adatti ai principianti. Il torrione è stato dedicato all’alpinista pinerolese Giuditta Ruetta.
Descrizione

Dal parcheggio della località Dairin si raggiunge il Colle Ciardonet dove si imbocca il sentiero per il Colle Sperina. Poco prima del colle il sentiero passa proprio sotto al torrione, a destra di una caratteristica piazzola erbosa (cartello in legno).
La via di salita si tiene al centro del torrione. Dopo una spaccatura-camino e una facile placca si raggiunge un grande terrazzo alla base della paretina centrale, alta una ventina di metri, cui segue, leggermente sulla sinistra, un caratteristico strapiombetto e la facile crestina finale che conduce in vetta. È possibile effettuare innumerevoli varianti a destra e a sinistra della via descritta.
Il torrione, in passato attrezzato con tre chiodi, è oggi interamente attrezzato a spit e soste con catene. In totale sono tre tiri.
Se si segue la linea degli spit l’arrampicata è più diretta, si affrontano delle belle placche e i passaggi sono più impegnativi. Se si segue la linea storica, in alcuni punti leggermente a sx degli spit, le difficoltà non superano il III/III+.
Discesa in corda doppia, altrimenti dalla punta è possibile ritornare velocemente alla base percorrendo il pendio boscoso fra il torrione e il colle Sperina.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Torino, Pinerolo e Bassa Val di Susa (IGC; 1:50.000)
Bibliografia:
Rocca Sbarua e Monte Tre Denti di Gian Piero Motti (1969; reperibile in biblioteca)
balestra
24/04/2018

Nelle vicinanze Mappa

3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
8 anni fa
10 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 730m 9.6Km

Coazze

Webcam
Link copiato