Corno (Monte) da Monasterolo Torinese

Corno (Monte) da Monasterolo Torinese

Dettagli
Dislivello (m)
730
Quota partenza (m)
440
Quota vetta/quota (m)
1227
Esposizione
Sud-Est
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio
Baita Alpina, Ca' Bianca

Avvicinamento
Da Monasterolo paese si può percorrere in auto via Lanzo (prima asfaltata tra le case, poi sterrata buona) fino ad una diramazione sulla sinistra con grossa sbarra (palina indicante la Ca' Bianca, la "Baita alpina" e la croce). Posteggio a bordo strada poco oltre.
Note
Gita a due volti distinti: fino alla baita alpina e oltre (costa) sentiero bellissimo, con muretti e colatoi per acqua, ottimamente mantenuto dagli alpini di Cafasse. Raggiunta la costa, sentierino per lunghi tratti ben segnalato.
Descrizione

Si imbocca la diramazione citata nell’avvicinamento (stradina sterrata) e pochi minuti dopo la sbarra la si abbandona per un sentiero segnalato, ben tenuto, lastricato e con canali di scolo, che serpeggia nel boschetto a prevalenza di conifere (indicazione Baita Alpina e Croce). Giunti alla baita alpina, non prendere il sentiero che sale ripido alla croce, ma proseguire per il sentiero principale in direzione Vallo. Poco prima di raggiungere il costone principale che scende dal monte Corno, si imbocca un sentierino sulla destra in blanda salita (palina dell’AIB che segnala il ripristino dei sentieri e i punti di presa idrica) che raggiunge detto costone: qui parte una traccia segnalata con vernice bianco-rossa che segue all’incirca il largo costone aggirando qualche roccetta, e raggiunge la recente strada sterrata che quasi in piano arriva dal Turu. Si prosegue per il costone, anche se i segni di vernice scompaiono quasi del tutto: c’è comunque una vaga traccia e ogni tanto qualche piccolo ometto, e si arriva in cima senza difficoltà.
POSSIBILE ANELLO: in cima si trova infisso su una roccia un piccolo segnale romboidale riportante la sigla “AC”: si può seguire il sentierino ben segnalato che, percorrendo tutta la cresta (ogni tanto si ritrova il cartellino “AC”) e serpeggiando tra roccette e massi (evitare con ghiaccio), permette di scendere verso il ponte del Diavolo. Superato il roc del Merlo, poco dopo aver superato una radura erbosa sulla destra, si stacca il sentiero (palina) che porta alla Ca’ Bianca, da cui si può chiudere l’anello. Il sentiero attraversa la suddetta radura erbosa, passa tra le rovine di una baita (pochi segni scoloriti), e prosegue per un bel tratto in leggera salita. E” talvolta stretto e taglia pendii ripidi ricoperti di erba scivolosa.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Fraternali 1:25000 n.9 Basse Valli di Lanzo, Alto Canavese, La Mandria, Val Ceronda e Casternone
jdomenico
12.01.2020
7 mesi fa
8 mesi fa
6 anni fa
15 anni fa

Condizioni

Link copiato