Castello (Rocca) King Line

Castello (Rocca) King Line

Dettagli
Altitudine (m)
2240
Dislivello avvicinamento (m)
600
Sviluppo arrampicata (m)
210
Esposizione
Est
Grado massimo
6a
Difficoltà obbligatoria
5c

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Campo Base 1661 m

Avvicinamento
In località Chiappera, a un bivio tra Rifugio Campo Base e prosecuzione della strada, andare a sinistra e proseguire con l'auto fino a che non s'incontra un cartello per sentieri indicante l'itinerario per il Colle Greguri.
Lasciare la macchina nello slargo di fianco al segnale e proseguire per il sentiero, oppure proseguire fino all'interruzione della strada: nel primo caso, l'arrivo al colle è pari a 1 ora di buon passo, nel secondo, una volta lasciata l'auto, il percorso richiede circa 1 ora di sentiero più comodo.
Arrivando dal sentiero più basso, quando si è quasi arrivati al colle è visibile vicino un tornante su un masso una sbiadita scritta ("T2"): girare verso sinistra e per tracce giungere alla base della parete oppure una volta giunti al colle, discendere di circa 10m fino a notare spit con cordone e ometto alla base(una scritta in rosso "King Line" ormai illeggibile è presente sotto lo spit).
Note
La via è la più diretta alla rocca tra la Rinaudo ed il Giglio Farneticante.
protetta a spit inox è una via con sette tiri su difficoltà non eccessive ma di continuità.
materiale: 10 rinvii, friend medio piccoli
soste su due anelli inox
discesa con quattro doppie da 50 m sulla via
via su ottima roccia tra placche e diedri
Descrizione

L’attacco è posto 10 m a sinistra della Rinaudo. È presente un ometto alla base e un cordone, sbiadito, al primo spit.
L1: salire verticalmente su placche superando un bombamento con piccola fessura sino alla sosta S1 ( 2 anelli) 5c
L2: superare in piccolo diedrino e poi su placche sino a s2 (2 anelli) 5b
L3: partenza delicata poi si sale il grande spuntone sino a sostare a sinistra su 2 anelli S3 5b (alla base dello spuntone attraversa verso sinistra la via Rinaudo)
L4: salire la compatta placca sino al successivo diedro su tacche nette e poi per il facile diedro sino alla sosta S4 (2 anelli) 5c
L5: tiro facile su diedri con passaggio vicino ad una sosta su spuntone della via rinaudo. 10 m più in alto si trova la sosta S5 (2 anelli) 5a
L6: superare l’evidente fessurone e poi salire la compatta placca nera con movimenti delicati su piccole tacche. sostare a sinistra sullo spigolo su S6 (2 anelli) 5c
L7: salire verticalmente fin sotto alla vetta per poi superare un passo delicato fino alla croce S7 ( 2 anelli) 5c/6a

Discesa: S7 50 m // S5 40 m //S4 60 m // S2 60 m

la via risulta essere molto comoda per le calate specie con affollamento nella diagonale est.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC 1:50000 n.7 Valli Maira Grana e Stura
alfonso
05.08.2020
7 giorni fa
1 mese fa
11 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
8 anni fa
9 anni fa

Condizioni

Link copiato