Cristalliera (Punta) Torrione Centrale, Diedro Ghirardi

La gita

Giudizio Complessivo :: **** / ***** stelle

rispetto alla foto presente nella relazione abbiamo salito la via originale come descritto nella guida monti d'Italia e in "Cristalliera rinnovata".
Due tiri facili per arrivare alla base del diedro;
2 tiri nell'ombroso diedro per noi, sosta su due chiodi a V buoni, integrato con nut. Verificare protezioni in loco, ci sono due sassi incastrati nel fondo del diedro con cordone e moschettone ancora buoni. Alcuni chiodi si muovono ma tengono, molto consigliati chiodi a lama e qualche lost arrow. Martello per ribattere soste e protezioni, una staffa per il primo in cordata.
Usciti dal diedro invece di "conigliare" verso la Bianciotto abbiamo seguito la via originale che propone ancora fessure ben scalabili e proteggibili con protezioni veloci, intorno al V grado ma faticose (tiro in traverso + 2 tiri).
Ultimi due tiri sulla Bianciotto.
Complessivamente la via è scalabile (se non fosse da chiodare), logica, divertente nella seconda metà. Sicuramente più impegnativa del diedro Caneparo.
Con Andrea e Luca, che ringrazio per avermi fatto tirare i primi quattro tiri. Piacevole incontro con un altro ripidista impegnato sulla Superbianciotto.
Un piccolo sogno nel cassetto!


Gita caricata il 11/08/12

Le foto

Andrea nelle faticose fessure
Classico vs moderno per l'ultimo tiro
Descrizione completa dell'itinerario

Caratteristiche itinerario

difficoltà: 6a :: 3 obbl ::
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 2450
sviluppo arrampicata (m): 250
dislivello avvicinamento (m): 450