Ovarda (Truc d') Traversata per Roccia Frontera e Punta Tumolera

difficoltà: EE/F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1650
quota vetta/quota massima (m): 2393
dislivello salita totale (m): 850

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: rfausone mario-mont
ultima revisione: 30/05/12

località partenza: Strada Alpe Ovarda (Lemie , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.8 Valli di Lanzo, IGC n° 2 1:50000 - Valli di Lanzo e Moncenisio

bibliografia: Guida dei Monti d'Italia - Alpi Graie Meridionali

note tecniche:
Bella escursione nell'ampio vallone d'Ovarda, in zone poco frequentate.
Dal colle Pianessa in poi si viaggia sempre in cresta con spettacolare veduta sulle montagne del vallone, dalla Torre d'Ovarda a Cima Montù, e su tutta la testata della valle.
Itinerario non difficile, ma che richiede una certa attenzione, specie in presenza di neve, passando in punti molto esposti .

descrizione itinerario:
Dalla strada per l'Alpe Ovarda presso il tornante a quota 1650 m, prendere un sentierino in direzione sud che porta in breve all'Alpe Crest o puntare direttamente al largo colle tra la P. Tumolera e la Roccia Frontera. La Roccia Frontera la si raggiunge in pochi minuti per prati, mentre per la Punta Tumolera si deve tornare all’Alpe Crest da dove si seguono le varie tracce che portano al colle Pianessa posto tra il Tumolera stesso ed il Truc d’Ovarda. Tenersi sempre sul pendio esposto a sud, dove non ci sono rododendri.
Dal colle, seguendo l’esile traccia che si individua sulla sinistra si arriva fin sotto alla P. Tumolera dove con alcuni facili passi su roccia si tocca la prima delle 2 vette, mentre la seconda la si raggiunge con pochi altri passi in più.
Si torna al colletto precedente e per tracce di camosci, in cresta o appena sotto di questa, si prosegue su pendii molto ripidi fino ad arrivare alla cima superando qualche breve passo su roccia.

Discesa:
Si prosegue ancora in direzione Nord-Ovest con alcuni passi su roccia fino ad arrivare al Colle di Costa Fiorita. Per tracce si attraversa il vallone in direzione est fino a raggiungere il ben più evidente sentiero che scende dal Passo Paschiet e raggiungere l’Alpe d’Ovarda. Da qui seguendo la sterrata si ritorna al punto di partenza.