Raie, Parì, Artà, Rubello (Borgate) da Pont Canavese, anello

Raie, Parì, Artà, Rubello (Borgate) da Pont Canavese, anello

Dettagli
Dislivello (m)
400
Quota partenza (m)
500
Quota vetta/quota (m)
800
Esposizione
Sud-Ovest
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio

Note
Breve ma suggestivo anello in un angolo dimenticato della bassa Val Soana, il vallone del Rio Bigio dal quale è possibile vedere da un'insolita angolazione il versante dell'Arbella con le sue numerose borgate.
http://digilander.libero.it/archiviorisveglio/2003/08-03-7.html
Descrizione

Questa escursione propone la visita delle borgate Raie, Parì, Artà e Rubello con giro ad anello che può partire direttamente da Pont. Si imbocca la strada per Frassinetto, dopo il primo tornante appena fuori dall’abitato si imbocca a sinistra una stradina che presto diventa sterrata ma accettabile anche per un’utilitaria, indicazione su cartello bianco, la si segue fino a giungere alla borgata dove, pochi metri oltre uno slargo in cui è possibile parcheggiare, si osserva un bel pilone votivo a base quadrangolare dipinto sui vari lati ed una chiesetta ben conservati.
Questa è l’unica borgata del gruppo ad avere alcune abitazioni ristrutturare ed abitate prevalentemente nei fine settimana.
Entrati in Raie si percorre la mulattiera bassa, quella tratteggiata in nero sulla carta Mu e si prosegue verso nord fino al torrente Bigio dove troviamo i resti del vecchio ponte di legno ormai in rovina.
Qui inizia la parte più impegnativa della gita, quella che giustifica la valutazione EE. Bisogna guadare il torrente dopo aver valutato la portata dell’acqua che non sempre lo permette, prestare attenzione in quanto poco sotto sono presenti salti di parecchi metri prima che il rio entri nel Soana.
Poi si risale per vaghe tracce che spesso si perdono in mezzo ai rovi ed arbusti spinosi di ogni tipo, si osservano muretti a secco ormai quasi del tutto devastati dai cinghiali. Dopo pochi minuti su di un pendio particolarmente ripido che non offre alternative, si giunge a quel che resta dell’antica borgata Parì, le costruzioni avvicinabili ma pericolanti sono solo un paio mentre tutto il resto è immerso nelle vegetazione.
Si prosegue poi, sempre su tracce di sentiero, sulla destra orografica del rio Bigio fino al punto in cui la bastionata rocciosa diventa quasi aderente al corso d’acqua e la gola si restringe, dove si osserva un grande masso adagiato nel greto. Qui occorre scendere seguendo una labile traccia che non risulta visibile finché non ci si avvicina ad un punto in cui sembra impossibile passare.
Si guada con attenzione e si guadagna l’altra sponda dalla quale si risale su pendio ripido e scivoloso ma finalmente senza spine, verso la mulattiera che si trova poche decine di metri più in alto, la stessa che collega Raie con le borgate di Frassinetto.
Raggiunta tale mulattiera termina la parte più difficile della gita. In qualunque modo si raggiunga la mulattiera segnata con bolli rossi può essere interessante osservare i due piloni votivi ed il ponte sul bigio poco più avanti, l’unico rimasto agibile nella zona. Giunti in prossimità di alcuni ruderi (pilastri) durante il ritorno, la mulattiera principale tende a scendere leggermente, se ci manteniamo in alto seguendone una meno evidente che attraversa muretti e terrazzi possiamo arrivare direttamente alla borgata Artà formata da tre abitazioni diroccate a ridosso delle quali è ancora presente una vecchia vigna.
Si scende poi lungo il crinale con sentiero all’ultima borgata, Rubello, che per la sua collocazione e disposizione presenta alcune analogie con Ciuccia, una borgata pochi chilometri più a monte sempre lungo il corso del Soana.
Da qui si scende poi lungo la mulattiera puntando verso Pont per il rientro.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Mu 1/20.000 n. 4 Valle Sacra
giuliof
09/03/2012
9 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Webcam 1060m 1.9Km

Frassinetto

Webcam
Stazione Meteo 1240m 7.3Km

Colleretto

Stazione Meteo
Webcam 1100m 7.6Km

Santa Elisabetta

Webcam
Link copiato