Nero di Valbella (Corno) Scisc

Nero di Valbella (Corno) Scisc

Dettagli
Altitudine (m)
1320
Dislivello avvicinamento (m)
500
Sviluppo arrampicata (m)
80
Esposizione
Sud
Grado massimo
5b
Difficoltà obbligatoria
5b

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Per una relazione dettagliata dell'avvicinamento e della via si rimanda al sito della Scuola di alpinismo e scialpinismo Guido della Torre:
http://www.scuolaguidodellatorre.it/relazioni/getRelazione.php?id=CornoNeroValbella-viaScisc

A grandi linee: a piedi superare il paese di Valbella superiore, fino a raggiungere un pratone in corrispondenza dell'ultima casa del paese, qui inoltrarsi nel bosco e seguire il sentiero, segnato a bolli arancioni e da poco sistemato. Dopo circa 1 ora o poco più si raggiunge una cresta, oltre la quale ci si affaccia nella valle di Sabbia. Prendere la cresta verso sinistra, e seguirla con qualche semplice passaggio su roccia fino alla parete del Corno Nero, dove si trova l'attacco della via (chiodo con cordino rosa). Complessivamente 1 ora e mezza circa.
Note
Via di recente apertura, ma decisamente classica, piuttosto breve, è la prima e per ora l'unica a solcare questa parete.
Difficoltà mai superiori al V grado, forse con un passo di V+.
Roccia buona nel primo tiro, non buona nel secondo, dove bisogna cercare con attenzione la via più sicura.
Descrizione

1° tiro, 35m, 1 chiodo: iniziale muretto (IV, chiodo), poi si sale obliquando a sinistra verso un pinetto morto, da qui altro muretto più difficile (V), superato il quale salendo leggermente a destra si raggiunge la sosta (2ch. con cordone giallo), nei pressi di un ginepro.

2° tiro, 45m, nessun chiodo: traversare a destra fino ad un piccolo ballatoio, qui salire superando una lieve pancia (V+, molto difficile da proteggere e su roccia di qualità abbastanza scarsa). Poi su difficoltà che via via calano si continua a salire fino ad un vago canale e da qui più facilmente ci si porta alla vetta erbosa del corno nero, sostare oltre la vetta all’albero più vicino.

Qui “libro” di vetta custodito in un ometto.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Primi salitori Gabriele Mainini e Andrea Vitali, il 16 agosto 2014.
sir-pilade
16.08.2014
6 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Panoramica 2421m 7.9Km

Cima di Capezzone

Link copiato