Furggen (Cima di) o Tete de la Forclaz Traversata della Cresta da Plateau Rosa

Furggen (Cima di) o Tete de la Forclaz Traversata della Cresta da Plateau Rosa

Dettagli
Dislivello (m)
12
Quota partenza (m)
3480
Quota vetta/quota (m)
3492
Esposizione
Tutte
Grado
PD-

Località di partenza Punti d'appoggio
Testa Grigia, Rifugio Teodulo, Plan Maison

Avvicinamento
Da Breuil-Cervinia prendere gli impianti di risalita fino alla Testa Grigia, oppure a piedi da Cervinia seguire il percorso per raggiungere il rif. Teodulo.
Note
Su questo percorso è stata recentemente attrezzata una ferrata per superare i tratti di cresta rocciosi più impegnativi. E' sufficiente portare l'imbrago e il kit da ferrata, oltre naturalmente a picca e ramponi.
Percorso fattibile anche in inverno, con sci a spalle nei tratti di arrampicata, per poi scendere sui bei pendii della classica scialpinistica Testa di Furggen (BSA). Tenere conto che in tal caso i cavi possono essere sommersi in parte dalla neve, e sono presenti molte cornici, per cui occorrono buone capacità alpinistiche in quanto ci muove su terreno di alta montagna. Calcolare 3 ore di percorrenza per la cresta, lo sviluppo è notevole.
Descrizione

Da Plateau Rosa dirigersi verso il colle del Teodulo, salire sul Corno del Teodulo seguendo la cresta (roccette) e raggiungere la cima (1 h 30 ca.). Scendere e raggiungere l’arrivo della Seggiovia Furgsattel, proseguire e arrivare sulla Cima di Breuil.
In caso di abbondante presenza di neve è bene tenersi uno o due metri sotto la cresta sul versante svizzero, che comunque è meno a strapiombo di quello italiano. Sotto la cima del Furggen la roccia è molto friabile ma si riesce ad arrampicare bene; sono presenti un paio di chiodi fissi e un cordino.
Non sono presenti particolari difficoltà.
Dopo quattro ore totali (ca.) si raggiunge la cima; ci si può riposare sul terrazzo.
Per scendere si segue il vecchio tracciato della pista (non la galleria!) e a seconda delle condizioni delle neve si deve decidere se tagliare e passare sotto la galleria, e continuare a seguire la pista, o proseguire in cresta. In questo caso si prosegue fino a un terrazzino roccioso, quindi si abbandona la cresta e ci si comincia a spostare lateralmente su un terreno molto insidioso, dove è molto facile scivolare.
Giunti sopra l’anfiteatro ci si butta sul pendio nevoso e lo si raggiunge.
Si recupera la stradina fino ai resti della Capanna K2 (1h e 30 dalla vetta), dopodiché si segue il sentiero fino a Plan Maison.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
La funivia è stata chiusa nel 1993, la stazione e la galleria, dopo 20 anni, sono in pessime condizioni ed è consigliabile mantenersi all'esterno.
stefano-massa
25.07.2020
1 settimana fa
1 anno fa
7 anni fa

Condizioni

Link copiato