Cervet (Monte) da Chiappera per il Colle di Rui

Cervet (Monte) da Chiappera per il Colle di Rui

Dettagli
Dislivello (m)
1370
Quota partenza (m)
1614
Quota vetta/quota (m)
2984
Esposizione
Nord-Ovest
Grado
EE

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Campo Base di Chiappera

Note
Una bella cima panoramica, che si può salire sia da Chiappera che dalle Grange Morletto (raggiungibili in auto da Villar di Acceglio). L'itinerario di salita che vi propongo sale da Chiappera per il Colle di Rui ed il versante Nord-Ovest.
Consigliabile anche in primavera o ad inizio stagione quando questa montagna è ancora innevata. Può essere salita anche con le ciaspole e/o con i ramponi.
Descrizione

Da Chiappera, ci si porta al Ponte Souttan dove si parcheggia l’auto. Si segue brevemente la strada che si inoltra nella Valle del Maurin fino ad un bivio con cartello indicatore per il Colle Greguri e il Colle di Rui, e si prende il sentiero che si stacca sulla destra. Seguendo il sentiero segnalato ci si inoltra nel Vallone Greguri, passando dalle Grange Agnelli (oramai diroccate) a quota 1794 m.
Si prosegue sul fondo del Vallone, passando non lontano dalle pareti rocciose del versante Est della Rocca Provenzale, Torre e Rocca Castello.
Salendo gradualmente nel vallone, si raggiunge un altro bivio, dove un cartello indicatore in legno ci indica chiaramente il versante di salita da seguire che volge a destra. Si risalgono i pendii erbosi (o nevosi, a seconda del periodo) con numerosi tornanti fino a raggiungere una vecchia casermetta in rovina nei pressi della Colletta 2556 m, dove spesso è possibile vedere branchi di stambecchi.
Dalla Colletta si sale ancora verso destra sempre su un buon sentiero segnato che prima a mezzacosta e poi con una serie di serpentine raggiunge il valico del Colle di Rui 2708 m. Dal Colle, si segue un piccolo sentiero (segnato da ometti) che sale a destra nel vallone pietroso (o innevato) aggirando la punta rocciosa di quota 2789 m del Monte Cervet si continua a salire tenendosi al centro del valloncello, dove un tratto più ripido porta a raggiungere la cresta.
Seguendo il crestone roccioso, con qualche tratto di facili roccette (I) tenendosi sul filo si raggiunge la vetta, sormontata da una piccola croce metallica.
Il ritorno si effettua lungo lo stesso itinerario già percorso in salita.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
IGC foglio 111
ste_6962
06.06.2020
4 mesi fa
1 anno fa
2 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa
9 anni fa
11 anni fa
13 anni fa
14 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato