Canzo (Corno Occidentale di) Ferrata del Venticinquennale CAI

Canzo (Corno Occidentale di) Ferrata del Venticinquennale CAI

Dettagli
Altitudine (m)
1000
Dislivello avvicinamento (m)
500
Sviluppo arrampicata (m)
250
Esposizione
Sud-Ovest
Grado
D

Località di partenza Punti d'appoggio
rifugio 3° Alpe

Note
I corni di canzo rappresentano uno dei più classici percorsi degli escursionisti milanesi. Dalla cima si gode uno splendido panorama sulle grigne e sul lago di Como. I Corni di Canzo sono le cime più elevate della costiera che separa il corso del Lambro dal lago di Lecco. Si presentano con un versante settentrionale in gran parte roccioso, e con i restanti versanti: quello meridionale e quello occidentale, generalmente erbosi.
Descrizione

La ferrata sale sul versante sud-ovest del corno Occidentale di Canzo. Partenza dalle le fonti di Gajum (mt 485) ove è possibile arrivare in auto.
Si segue il sentiero – carreccia per la “III alpe” e i corni ci canzo ferrata ben indicato da vari cartelli, facilmente si raggiunge il rifugio III alpe. Da qui un sentiero ripido sale in direzione dei Corni (indicazioni) sino a giungere in vista del versante sud-ovest del corno occidentale. A un bivio (segnalazioni) l si segue verso destra un sentiero che attraversa il ghiaione alla base della parete, che porta all’ attacco della ferrata.
Si inizia con una traversata obliqua verso sinistra e al succesivo tratto verticale molto esposto nel quale si trova il passaggio più impegnativo della ferrata: una placca povera di appigli ed appoggi.
Superato questo passaggio si sale per un canalino sino ad uscire su una traccia di non attrezzata che porta a un traverso esposto ma attrezzato verso destra.
Successivamente si sale un tratto piuttosto ripido attrezzato con una scala leggermente strapiombante e si continua per rocce ripide ma con buoni appoggi e appigli naturali, segue un altra traversata verso destra che porta a un dietro-camino ripido nel quale si trova un passaggio un po’ impegnativo da superare con tecnica di opposizione sino a giungere sulla cresta, al termine delle attrezzature.
Si prosegue per cresta superando l’intaglio detto “Passo della Vacca”(un po’ esposto e delicato in presenza di neve o ghiaccio) giungendo infine alla vetta del Corno Occidentale di Canzo( mt. 1373; croce). La via è totalmente attrezzata con corde fisse, catene e una scala di 12 m.
Una volta in cima si può scendere in pochi minuti al rif. S.E.V. a Pianezzo e seguendo il sentiero n. 1 si ridiscende al rif. III Alpe e quindi al punto di partenza. La ferrata si può percorrere agevolmente in un ora. Per il percorso di avvicinamento sino all’attacco calcolare 2 ore circa.

Nota: la ferrata si può raggiungere anche arrivando al rif. S.E.V. da Valbrona e prendendo il sentiero n.1 per il rif. III Alpe, dopo pochi minuti si arriva al ghiaione e quindi all’attacco. Oppure si può partire da Valmadrera, per S. Tomaso e quindi per il rif. III Alpe.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Kompass
sala
17/10/2020
2 settimane fa
2 anni fa
7 anni fa
9 anni fa
11 anni fa
12 anni fa
16 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Panoramica 1261m 1.2Km

Monte Rai

Panoramica 1241m 1.4Km

Monte Cornizzolo

Panoramica 1373m 2.4Km

Corno Occidentale di Canzo

Link copiato