Tre Confini (Pizzo) da Lizzola

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BR / F   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1270
quota vetta/quota massima (m): 2824
dislivello totale (m): 1600

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: titty79
ultima revisione: 16/03/17

località partenza: Lizzola (Valbondione , BG ) (Lizzola , BG )

cartografia: kompass 104 alpi orobie e bergamasche

accesso:
seguire per Clusone-Valgoglio-Gandellino-Valbondione-Lizzola

note tecniche:
ultimo tratto del pendio per accedere alla cresta e' ripido, usciti in cresta si tagliano i ripidi pendii per la vetta...in entrambi i casi utili ramponi
il traverso sopra il torrente e' da percorrere con attenzione in alcuni tratti ed esposto a pericolo in caso di molta neve.

descrizione itinerario:
Parcheggiare l'auto in testa al paese, di fronte alle ultime case - piccoli condomini - , si incontra subito la sterrata ,sentiero 322, che si inoltra nella valle dove scorre il Torrente Bondione e si entra nella Piana di Lizzola. Si segue il senitero sulla sinistra orografica della valle, si supera un risalto e si percorre un lungo traverso al di sopra del torrente, tagliando a mezzacosta i ripidi pendii del Monte Sasna e del Monte Crostaro. Questo traverso e' da percorrere con neve assolutamente sicura ed in alcuni tratti occorre fare attenzione perche' ci si trova su delle balze esposte sul torrente.
Superato il traverso il percorso diventa piu' comodo, e poco dopo, nei pressi di un grosso masso dove sono state messe indicazioni con vernice arancione, si effettua un semicerchio verso destra, salendo una ripida valletta fino ad arrivare in un falsopiano dove a sx si trova la baita di Sasna (1961 m). Salire a monte della baita, la valle si allarga e tra dossi,traversi e valloncelli ci si sposta sul versante opposto del vallone, con il Pizzo tre Confini gia' ben visibile.
Arrivati in prossimita' di quella che pare l'anticima, si entra nell'ennesimo valloncello, proprio sotto la triagolare cima, e si risale il pendio che diviene sempre piu' ripido (ramponi) Alla fine del canale/pendio si piega a sx e si sale in cresta. con un breve traverso, un po esposto (ramponi) si arriva all'ultimo breve pendio sotto la vetta , dove e' posta la bella croce.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale