Massodi (Spallone dei) - parete SSE Via Diedro Nero

L'itinerario

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Nord
quota base arrampicata (m): 2600
sviluppo arrampicata (m): 480

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: francosartori
ultima revisione: 10/03/10

note tecniche:
Aperta: 23/08/2009 da Zanetti Tony - Sartori Franco
Diff. Complessive TD+
Protezioni: buoni chiodi, clessidre e fix alle soste
Roccia: da buona a ottima

descrizione itinerario:
Accesso:
dal Rifugio Tosa percorrere il sentiero Orsi oltrepassare la cima Brenta Alta superare i campanili degli Armi e arrivati in vista del vallone dove il sentiero comincia a salire abbandonarlo girare a sx. ometto e puntare allo Spallone ben visibile dal sentiero.

Attacco: sul bordo destro della parete.

Discesa:
si può effettuare dal sentiero attrezzato delle bocchette fino alla bocca dello Spallone e scendere il canale nevoso con 4 doppie attrezzate a fix di cui la prima si trova sulla dx. scendendo dopo venti metri dalla forcella le restanti sulla sx. tutte da 60 metri circa ritornando alla base. Oppure continuare fino alla bocca d’Armi e scendere dal nuovo sentiero attrezzato Felice Spellini fino al sentiero Orsi.

1)salire su rocce gradinate sulla dx. di una grande rientranza neve alla base, puntare a una fessura camino fino a una comoda cengia sosta sulla sx. 1 cl.2 chiodi 3° (s1 cl. P.)
2)salire un diedro che porta sotto a un gran tetto nero spesso bagnato all’altezza di un pilastrino staccato uscire sulla sx. alcuni metri fino alla sosta 1 cl. 2 chiodi 4°/5° (s2 xx p.)
3)seguire la fessura sopra al pilastrino in arrampicata Dùrfel fino alla sosta successiva su un bel Pianerottolo 1 dado 1 chiodo 5°+(s3 x p. dado)
4)superare ora un passo leggermente strapiombante e proseguire su fessura verticale proseguendo si trova una bella placca lavorata salendo puntare alla base di un camino che forma il grande scudo ben visibile anche dal basso 6 chiodi 1 cl. 6°/ao/5° +(s4x p.dado)
5)salire per l’evidente camino molto largo fino alla sua sommità 3 chiodi 4° +(s5 x cl.)
6)alzarsi leggermente per traversare decisamente a dx. una decina di metri per poi salire diritti fino a prendere la fessura che sale fino verso sx. fino alla sosta (tiro molto bello) 5 chiodi 1cl. 5°(s6 xx)
7)puntare ora alla base dell’evidente diedro nero 1 chiodo 3°/4° (s7 xx)
8)salire ora tutto il diedro dapprima su ottima roccia nera per poi affrontare l’uscita su roccia delicata e strapiombante 6 chiodi 1 dado 1 frend 1 bong 1 cl. 5°+/6°(s8xx)
9)diritti sopra la sosta per 10 metri poi leggermente a dx. fino a una comoda cengia ometto 2 chiodi 4°/3°(s9 2 p.)
10)portarsi a dx. fino ad uno spigolo salire su placche molto articolate verso sx. fino a portarsi sotto a dei sassi che formano dei strapiombi 2 chiodi 3°/4° (s 10 x p.)
11)diritti sopra la sosta fino alla grande cengia detritica puntando alla base dell’evidente pilastrone giallo grigio centrale 2°(s11 x)
12)salire a dx. della sosta puntando ad una evidente fessura che forma un piccolo pilastrino continuare su placche seguendo la colata nera che porta alla fessura strapiombante seguirla e uscire sulla dx. sulle rocce sommitali 5 chiodi 1 cl.6°/6°+(s12).