Corna Rossa del Grostè Via del Zordano

Corna Rossa del Grostè Via del Zordano

Dettagli
Altitudine (m)
2000
Dislivello avvicinamento (m)
500
Sviluppo arrampicata (m)
300
Esposizione
Sud-Ovest
Grado massimo
6c
Difficoltà obbligatoria
6b
Difficoltà artificiale (se pertinente)
a0

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Graffer al Grostè (SAT)

Note
Itinerario sportivo con chiodatura praticamente da falesia. Non eccezionale nei primi tre tiri, a tratti erbosi, si riscatta con cinque lunghezze spettacolari su roccia fantastica nella parte alta.
Avvicinamento
Per l'accesso vedere la descrizione della via Quinto Lina in questa sezione. La via attacca poco a monte dello spigolo ovest della prima torre, a destra degli enormi tetti gialli e a destra della via Maestri (vedere foto), spit-fix visibile su una placca di roccia scura a circa 3 metri da terra.
Descrizione

Una volta trovato l’attacco basta seguire gli spit-fix.
Le difficoltà sono
5b
5c+
6a
6b
6c-6c+
6b+
6a
6b
6b+ (un passo solo)

Uno schizzo si trova sul sito della scuola Graffer di Trento.
La sosta del primo tiro (30 metri circa) è su un solo fix a cui può essere accoppiato un friend n.1 BD. Si può anche proseguire fino alla seconda sosta sopra il diedro rovescio (55 metri totali), gestendo bene l’attrito. Dal secondo tiro in poi tutte le soste sono su due fix + cordone.
Discesa: a piedi sul versante opposto (ometti), attraversando fino a raggiungere il Rifugio Graffer ben visibile, e da qui per sentiero a Vallesinella, ripassando dal tornante dove lo si è abbandonato per andare all’attacco. Possibile anche in doppia lungo la via di salita.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
quelo64
25/09/2016
4 anni fa
7 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Link copiato