Pietra Groana

difficoltà: 7a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 550
sviluppo arrampicata (m): 150
dislivello avvicinamento (m): 250

copertura rete mobile
wind : 90% di copertura
vodafone : 45% di copertura
no operato : 40% di copertura

contributors: gianmario55
ultima revisione: 19/06/10

località partenza: Quazzo, Piane Sesia (Serravalle Sesia , VC )

punti appoggio: Rifugio ai piedi della Falesia

bibliografia: Arrampicare in Valsesia, G.A.S.S. (ed. Melograno)

note tecniche:
Notizie dettagliate sulla storia della Pietra Groana, sugli accessi, schizzo delle vie di arrampicata nel sito internet
http://www.torriste.it
sulle carte dell'IGM la cima è denominata PIETRA CROANA

descrizione itinerario:
La palestra di roccia della Pietra Groana fu probabilmente scoperta, ed inizialmente attrezzata, da alcuni soci del CAI di Novara verso la metà degli anni settanta (credo!). Attualmente tutta la segnaletica, e credo di conseguenza anche la manutenzione delle vie, è tenuta dal CAI Varallo.
La roccia è un porfido che si presenta piuttosto articolato, abbastanza solido nei tratti più impegnativi. Tutta la palestra è attrezzata con spit e catene alle soste.
Le difficoltà variano dal III al V+ della scala UIAA, anche se non esistono vie in stile moderno. La palestra è attraversata, in vari punti, da un sistema di sentierini e cenge, a volte attrezzati con mancorrenti, che consentono di passare da un settore all'altro, oltre che di arrivare in vetta alla Pietra Groana (m. 699) in alternativa alle vie di arrampicata o al facile sentiero che passa dalla Bocchetta.
Alla base delle vie si trova una specie di capanno - rifugio (acqua non in tutte le stagioni). Ovviamente, considerata la quota particolarmente modesta, il periodo migliore è quello che va da novembre a marzo.
Dalla vetta si gode un discreto panorama, che va "dal riso al Rosa", ovvero dalle risaie della pianura vercellese al Monte Rosa. Per raggiungere la palestra, una volta arrivati a Piene Sesia (deviazione dalla statale per Alagna) seguire i cartelli e raggiungere una piccola borgata dove finisce la strada (piccolo parcheggio e cartelli indicatori).
Seguire la interpoderale (segnavia 706) che sale con alcuni strappi ripidi fino ad una deviazione che consente di raggiungere il capanno e l'attacco delle vie in circa 30 minuti.