Boazzo (Scoglio di) Maya - arrampicata - Valdaone, Trentino-Alto Adige

Boazzo (Scoglio di) Maya

difficoltà: 6a+ / 6a+ obbl / A4
esposizione arrampicata: Sud
sviluppo arrampicata (m): 240
dislivello avvicinamento (m): 60

copertura rete mobile
tim : 0% di copertura

contributors: ilcontevlad
ultima revisione: 06/11/19

bibliografia: http://www.adamellothehumantouch.it/DAONE/Val%20daone_Itinerari/Val%20Daone_Scoglio%20di%20Boazzo_Maya.pdf

accesso:
Dal parcheggio accanto alla diga, costeggiare la parete fino ad un evidente masso strapiombante con via artif a golfari, proseguire in piano fino a trovare le targhette delle vie più a dx.

Attacco
in prossimità di un diedrino molto muschioso con alberello a 5m da terra (un chiodo poco visibile identifica l’attacco), pochi metri a sx della via “Orizzonte degli eventi” (targhetta).

note tecniche:
Note: via quasi esclusivamente in artificiale, con tratti molto difficili. Attenzione particolare al secondo tiro particolarmente difficile e pericoloso.



Ore per una ripetizione:12/20

Materiale: corde da 60m,una serie completa di friends, una completa di nuts, serie di micronuts, alcuni microfriends, chiodi assortiti, 5 rurp, 10 pecker vari, cliffs assortiti (dai bat hook ai grandi, doppi), 8 copperhead, 4 piombi grossi, staffe, serie di cordini e fettucce per strozzare i chiodi, eventuale materiale da bivacco (portaledge) o corde fisse.

descrizione itinerario:
La via sale sul settore destro dello Scoglio di Boazzo, attaccando a sx ma finendo sulla parete strapiombante a dx della via “Cavalieri erranti”.

1° TIRO: Salire il diedrino e la successiva fessurina, fino ad una placca appoggiata. In libera ad una grossa lama che in breve porta a una comoda cengia. 6b/c o A2 (un chiodo nel primo passaggio, poi tutto da attrezzare a dadi e chiodi). Tiro ricoperto di muschio e per nulla invitante.

Sosta con uno vecchio spit ed un fix nuovo, 2 vecchi chiodi inutili.

1° TIRO alternativo: percorrere metà del primo tiro di Orizzonte degli Eventi (fessurina, passo in placca, diedrino da friend buoni, 6a/A1), poi facilmente a sx su cengetta fino a S1 originale. 20m.

2°TIRO: A sx, passo di placca o numero da far west, fessurina sottile per 8m, poi uscita su cliff ed almeno altri 8m tutti su head brutti (brutta caduta!), uscire a sx sotto il tetto ad un bel terrazzo con piante ed alberi. (A4+). 20m. Sosta su albero

3°TIRO: Leggermente a sinistra lungo una bellissima placca a caratteristici funghi di granito (5a). Sosta su cengetta con albero

4°TIRO: Salire il camino fino al suo termine e proseguire fino alla sosta di “Cavalieri erranti”(5b). Sosta con due spit.

5° TIRO: Salire i primi due chiodi di “Cavalieri Erranti”, proseguire diritti per l’evidentissima fessura che dopo una ventina di metri finisce in parete aperta sull’arrotondato spigolo del pilastro. Continuare verso destra ed arrivare allo spigolo vero e proprio, da qui verticalmente fino alla sosta appesi. (A1-A2-6a+). Sosta con due spit.

6° TIRO: Verticalmente fino alla cengia. (A1+-A1-5c ). Sosta con due spit. (Buon posto da bivacco-Portaledge). Sosta in comune con “Cavalieri Erranti”.

7° TIRO. Verso destra per una bellissima fessura, f ino ad uscire dagli strapiombi e sostare in placca fuori dal pilastro. (A1/A2) Sosta con due spit.

8° TIRO: Piccolo pendolo a sinistra fino all’ultima sosta di “Cavalieri erranti” e poi senza via obbligata lungo facili placche fino al bosco sommitale. (5a). Sosta su albero.


Discesa: In corda doppia (attenzione!!!! Doppie molto esposte e strapiombanti) da Cavalieri Erranti.

altre annotazioni:
Aperta nel 2000 da S. Righetti ed M. Meli con difficoltà di A4+ e 6a+