Boazzo (Scoglio di) Amico Seve

Boazzo (Scoglio di) Amico Seve

Dettagli
Altitudine (m)
1200
Sviluppo arrampicata (m)
235
Esposizione
Sud-Ovest
Grado massimo
5c
Difficoltà obbligatoria
5c
Difficoltà artificiale (se pertinente)
a2

Località di partenza Punti d'appoggio
Daone

Avvicinamento
Parcheggiare alla diga di Boazzo (o in alternativa presso il Bar Ristorante Boazzo, dopo le prime gallerie), tornare indietro dalla diga per circa 50 metri ed entrare nel bosco a sx in corrispondenza di una traccia. proseguire verso sud per 200 metri circa fino a quando la parete diventa liscia ed
e' evidente una serie di chiodi a pressione a partire dalla sommità di una piccola rampa che sale verso dx per 10 metri costeggiando la parete e che termina con degli arbusti dove si trova il primo chiodo con cordone.
10 minuti
Note
Itinerario classico prevalentemente in artificiale aperto in solitaria nel 1991 da Angelo Ferraglio e dedicata a Severangelo Battaini.
Presenti in via circa 120 chiodi a pressione. Roccia ottima. Oltre alla n.d.a. portare alcuni dadi piccoli e medi, alcuni eccentrici grandi, una serie di friend fino al 4BD e due staffe per ogni componente della cordata. Necessari 25 rinvii. Consigliati alcuni spezzoni di corda lunghi a perdere e un martello con un pianta spit manuale in caso di eventuale rottura di uno o più chiodi, anche se al momento della ripetizione del 20 Ottobre 2017 erano in buone condizioni.
Soste su fix di inox dell'8 o del 10 e spit.
Per una ripetizione considerare 5/7 ore
Descrizione

Discesa (40 min)
Una volta raggiunta la S7 proseguire legati alzandosi nel bosco leggermente sulla dx e poi a sx fino a raggiungere una zona sicura. Non ci sono tracce ne sentieri e bisogna affidarsi al proprio orientamento. A questo punto slegarsi e abbassarsi leggermente sulla sx (viso a monte) fino alle reti para massi. Proseguire ancora a sx (sempre viso a monte) alzandosi leggermente fino a traversare una placca inclinata di granito e conseguentemente scendere il bosco seguendo una traccia, incontrando il ruscello, le corde fisse e le scalette di ferro fino a raggiungere la strada.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Angelo Ferraglio in solitaria - autunno 1991
Prima ripetizione: Carlo Bonardi, Carlo Carè
Ripetuta ripulendo e riattrezzando le soste il 20 Ottobre 2017 - Angelo Ferraglio, Mattia Bonesi, Riccardo Bonesi, Matteo Mariniello
gulliver
03.02.2018
Link copiato