Appenna (Monte) da Pattemouche, giro per Valle Argentera e Laval

difficoltà: BC+ / BC+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1600
quota vetta/quota massima (m): 2981
dislivello salita totale (m): 2300
lunghezza (km): 40
disl. da portare (m): 900

copertura rete mobile
tim : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: mbourcet213
ultima revisione: 21/08/19

località partenza: Pattemouche (Pragelato , TO )

punti appoggio: Bergerie del Mey - Alpe Plane

cartografia: Fraternali n°2

accesso:
Pinerolo - Pragelato - Rotonda a sx verso Pattemouche - Parcheggio nei pressi del Pount daz Itrei imbocco Val Troncea

note tecniche:
L'attività in Mountain Bike su sentieri e mulattiere è VIETATA all'interno del Parco Naturale, dunque dalla Bergeria del Mey fino al Col Clapis non si può pedalare (ammesso che qualcuno possa farcela fisicamente!).

Giro grandioso con prima salita in uno degli angoli più belli della Val Troncea e con due discese meravigliose

descrizione itinerario:
Si risale la Val Troncea fino all'Alpe Mey, prima di raggiungerla si trova indicazione per Clapis e Sorgenti del Chisone e il sentiero si sgancia a dx della strada. Si inizia con un tratto pianeggiante per poi salire decisamente a destra su terreno a volte ripido e accidentato e si arriva al bivio dove dobbiamo proseguire verso il Col/Bivacco Clapis.
La traccia si fa più ripida e risale i pratoni sempre ben segnata, arrivati sotto i paretoni rocciosi si porta a sinistra con un ampio semicerchio e attraversa la pietraia, tornando poi a salire ripida per portarsi sul pianoro dove sorge il Bivacco. A questo punto sempre seguendo le tracce molto ben disposte e visibili risaliamo gli ultimi 100 metri che mancano al Colle.
Una volta arrivati seguiamo a sinistra portandoci in cresta, sempre ampia, e seguendo poi i vari ometti con una serpentina raggiungiamo l'anticima e in breve la cima vera e propria segnalata solo da un ometto.

In discesa torniamo sui nostri passi fino ad intercettare una chiara traccia che scende sul versante Argentera, ci sono molti bolli gialli e giallo/blu ma alcuni sono sbiaditi, può essere utile traccia GPS. Bella la discesa che arriva fino alle case "Clotes" da dove volendo possiamo prendere la traccia a destra che prima salendo e poi con un lungo mezzacosta farcito di brevi salite e discese ripide ci porta sulla strada che da Bessen Haut va verso il 7 fontane. Qui troviamo il Bivacco Ugo Ratazzo (chiuso a chiave)dove si può fare sosta acqua e mangiare qualcosa.

Ci portiamo quindi verso il Sestriere seguendo la strada prima sterrata poi asfaltata, arriviamo nei pressi dell'Hotel Principi di Piemonte e dei campi da golf, seguiamo un breve strappo sterrato che ci porta su una strada di servizio che passa sopra ai campi da golf e sotto le seggiovie, giunti al suo termine dobbiamo scendere verso Borgata, più riusciamo a tenerci alti meno avremo da risalire, il consiglio è di girare a destra alla terza strada sterrata che si incontra scendendo dal sentiero indicato come pista da Downhill, questa ci porterà direttamente all'attraversamento sul Chisonetto da dove si inizia a salire sulla strada di servizio degli impianti da sci.

La seguiamo fino al Bar "Aquila Nera", arrivo seggiovia Nube d'Argento, proseguiamo tenendoci sempre verso sx andando a incrociare lo skilift Orsiera e con un ultimo strappo portarci poco sotto l'arrivo della seggiovia Nuova Nube, dall'ultimo tornante a destra parte sulla sinistra una traccia segnalata da paletto in legno con tacche bianco/rosse. Dobbiamo imboccarla per scendere su Laval!
Il sentiero è sempre ben tracciato e raramente si perde, ci sono comunque molti paletti segnalatori che aiutano!
Si arriva così al Rifugio Mulino di Laval da dove si rientra comodamente su strada alla macchina chiudendo un bellissimo anello!