Tre Denti di Cumiana -Dente Occidentale Secret Garden

Tre Denti di Cumiana -Dente Occidentale Secret Garden

Dettagli
Altitudine (m)
1200
Dislivello avvicinamento (m)
500
Sviluppo arrampicata (m)
130
Esposizione
Ovest
Grado massimo
4
Difficoltà obbligatoria
4

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
La via si sviluppa sul Dente Occidentale.
1° accesso: da Cantalupa Via IV Novembre, classico accesso per la pista forestale del colle Castellar. Risalire via IV Novembre, sulla sinistra parte una sterrata, indicazioni percorso mountain bike per giro Tre Denti. Risalendo questa forestale, si incontrano sulla destra sentieri di servizio di ACEA: ignorare il primo sulla destra (indicazione ACEA SV67) e prendere il secondo a destra (indicazione ACEA SV66), poco prima che la strada pieghi a sinistra attraversando un ruscello e diventando poi sentiero (che conduce fino al Rifugio Melano, ma lontano dai Tre Denti).
Dopo aver percorso diversi tornanti della forestale, si incontra l'indicazione per il Dente Centrale, che va ignorata, e poi quella per il Dente Occidentale, che va seguito. Risalire quindi la pietraia tra Far West e Dente Occidentale seguendo bolli rossi. A un certo punto la pietraia si divide a "ipsilon". A dx si va per la Gaido e Guanti, prendere invece il ramo di sx e dopo poco raggiungere l'attacco sulla sx.

2° accesso: da Cumiana Bgt. Bastianoni per sentiero 407, oltrepassare il bivio per il Colle Aragno est, proseguire ancore 10min e salire al colle antecedente il dente occidentale. Scendere 80-90 mt di dislivello fino alla grande ceppaia del faggio.

3° accesso: da Casa Canada, transitando per il colle Castellar, congiungersi alla salita da Cantalupa
L'attacco è nei pressi di un grosso faggio isolato, targhetta alla base via
Note
Fix 10mm, soste a catena, max 7 rinvii, non necessita integrazioni.
La via percorre un pilastro sul versante ovest parallelo alla via Silvio Guanti
Descrizione

1 placche e strapiombino 4c 30mt
2 diedro fiorito 20mt 4a 20mt
3 placca e spigolo 4c 25mt
4 facile muretto 4b 20mt (sosta poco visibile, un po’ nascosta a destra dello spit subito dopo i tiramine che sporgono per rinforzare la parete)
5 spigolo verticale e traversino 4c 20mt
6 placca e muretto 4c 15mt

DISCESA: a piedi sul versante Ovest del dente seguire una cengia discendente che porta nel vallone e di li alla base.
Si possono anche fare 2 doppie da 60mt (meno consigliabile)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
"...e ci portiamo allo spigolo del Dente Occidentale ancora vergine. Tentativo con chiodi, inutile. Bisognerebbe salire con staffe. Tre chiodi già sul posto, segno di un tentativo precedente probabilmente di Gervasutti..." così narra Gabriele Boccalatte in "Piccole e grandi ore alpine".
In seguito il dente verrà salito da Angelo Gaido in solitaria nel 1969 utilizzando (novità per l'epoca) dei chiodi a pressione ancora utilizzabili attualmente (Via dei Rocciatori o battezzata dalle FARC "Via Angelo Gaido")
Via finita di attrezzare il 1° giugno 2013

gianp
27.06.2018
2 anni fa
3 anni fa
4 anni fa
5 anni fa
6 anni fa
7 anni fa

Condizioni

Link copiato