Roccia Viva Crestone ONO o cresta SO

Roccia Viva Crestone ONO o cresta SO

Dettagli
Dislivello (m)
944
Quota partenza (m)
2686
Quota vetta/quota (m)
3630
Esposizione
Nord-Ovest
Grado
AD-

Località di partenza Punti d'appoggio
Bivacco Borghi m 2686

Note
Itinerari complessi, con medesimi parte iniziale e tratto finale; delicato il crestone ONO in caso di rocce innevate, da non rifare in discesa in caso di tali condizioni; un po’ più difficile ed interessante è la cresta SO, meglio esposta e per questo abbastanza presto in condizioni ad inizio stagione. I tratti di arrampicata sono facili ma su roccia mediocre.
Il ritiro dei ghiacciai negli ultimi anni ha reso più problematici alcuni tratti del percorso sui ghiacciai di Gran Crou e Sospeso di Roccia Viva oltre ad aumentarne la pericolosità.
Tenere presente che la via più semplice e rapida in discesa è il canalone nevoso (300 m, 30°) che scende a ESE dal colletto fra la Roccia Viva e il Gemello Occidentale sul ghiacciaio della Roccia Viva (versante Piantonetto).
Da intraprendersi solo con buone condizioni fisiche e con tempo stabile.

Accesso al Bivacco Borghi m 2686: da Valnontey m 1666 risalire la valle, superare Valmiana, passare il bivio per Money, giungere al ponte dell’Erfaulet (m 1830) e superarlo. Salire lungo i vari tornanti del sentiero fino al bivio che a destra va ai Casolari dell’Herbetet e al Bivacco Leonessa; prendere a sinistra proseguendo la salita nel vallone; si incontra il bivio che a destra va ai Biv. Pol-Gratton; prendere a sinistra (ometti e bollini) e salire fino ad un punto ove sia agevole attraversare il torrente (guado; nelle ore di fusione è alquanto difficoltoso). Salire su noiose tracce lungo una prima morena, superare un ripiano, salire un’altra morena fino a giungere alla evidente grossa morena destra del ghiacciaio di Grand Crou che si segue sul suo filo fino a superare un grosso masso da dove è già visibile il bivacco; poco dopo, quasi al termine della morena, abbandonarla spostandosi a destra. Effettuare un ampio percorso semicircolare in leggera salita da sinistra a destra fra pietraie, blocchi rocciosi e residui del ritiro del ghiacciaio di Grand Crou, fino a risalire all’evidente dosso ove sorge il bivacco (ore 3,30 da Valnontey).
Descrizione

a) Via Normale (crestone ovest-nord-ovest)
Ore 5-6
Salita.
Nella parte iniziale è possibile una variante; questa è preferibile ad inizio di stagione, sconsigliabile in discesa, accorcia i tempi di almeno 1 ora.

Itinerario solito. Dal Bivacco ritornare verso il ghiacciaio di Gran Crou e costeggiando a debita distanza le seraccate del soprastante Ghiacciaio Sospeso di Roccia Viva, ci si dirige verso lo sperone che separa il Ghiacciaio di Gran Crou da quello di Money. Contro le rocce, a sinistra della seraccata, esiste un ripido passaggio nevoso-detritico che permette di raggiungere i pendii del ghiacciaio Sospeso di Roccia Viva. Risalirlo ed aggirare sulla sinistra l’isolotto roccioso 2984 e passando verso destra sopra una barriera di seracchi, costeggiare la base della parete NO della Roccia Viva (caduta pietre possibile), fino alla base del colletto nevoso da cui si origina il crestone ONO, presso la q.3077.

Variante iniziale. Dal Bivacco salire sul ghiacciaio di Gran Crou superando la ripida lingua posta immediatamente a S e attraversandolo in direzione SE, mirare ad uno stretto canale fra le rocce che dalla q. 2797 IGM sale allargandosi fino alla base del pendio del colletto 3077.
Risalirlo facilmente (30°) fino alla terminale dove si incontra il punto raggiunto con l’itinerario solito.

Percorso successivo. Varcata la terminale si supera il ripido pendio soprastante (35°) e si giunge al colletto, da cui si attraversa in piano per raggiungere la conca superiore del ghiacciaio di Gran Crou alla base del Canale del Colle Baretti (ore 3,30). Qui un evidente cengione detritico e nevoso permette di raggiungere il crestone ONO sopra il ripido salto iniziale. Seguirlo con passaggi facili su roccia in genere discreta (I e II) fino a sbucare sulla cresta SO alla base di un salto di roccia rossastra. Aggirarlo sulla destra (lato Piantonetto – in discesa una corda doppia di 20 m, chiodo da verificare) e tornati sul filo, uscire facilmente in vetta.

Discesa: se in buone condizioni, ritornare sull’itinerario di salita (non la variante iniziale); prestare molta attenzione alla caduta di pietre; dalla vetta al bivacco ore 5 (per non sbagliarsi, in salita osservare molto bene a ritroso i vari passaggi che saranno poi da affrontare in discesa).

b) Cresta sud-ovest
Ore 6-7
Dal Bivacco con l’itinerario della via Normale raggiungere la base del canale che scende dal Colle Baretti. Superare la terminale e risalire il ripido pendio, tenendosi nella parte alta (in caso di cattive condizioni) sulle rocce della sponda destra orogr. che portano facilmente al colle (m 3432, 180 m, 40°-45°, salibile in 1 ora). Attaccare il primo torrione e vincerlo per una serie di salti e fessure, che con divertente arrampicata su buona roccia (II, II sup.), conducono alla sommità.
Scendere brevemente ad una selletta e proseguire più facilmente sempre sul filo, fino ad incontrare l’itinerario del crestone ONO presso il salto verticale di roccia rossastra.
Aggirarlo sulla destra (lato Piantonetto – in discesa una corda doppia di 20 m, chiodo da verificare) e tornati sul filo, uscire facilmente in vetta.

In discesa il grande torrione può essere aggirato per la parete S (Piantonetto) o disceso con due doppie.
Dalla vetta al bivacco ore 5-6.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
Gran Paradiso itinerari alp. e scialp. - F. Brevini - Ed.Musumeci
mountain
15/06/2009
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1682m 450m

Cogne – Valnontey

Stazione Meteo 2279m 3Km

Cogne – Grand-Crot

Stazione Meteo 1470m 3.1Km

Cogne – Crétaz

Webcam 1800m 4Km

Cogne – Gimillan

Webcam
Stazione Meteo 1613m 5.8Km

Cogne – Lillaz

Webcam 2612m 9Km

Pila Couis

Webcam
Link copiato