Rissuolo (Cresta di) da Biela

Rissuolo (Cresta di) da Biela

Dettagli
Dislivello (m)
1600
Quota partenza (m)
1520
Quota vetta/quota (m)
3104
Esposizione
Ovest
Grado
EE/F
Sentiero tipo, n°, segnavia
sentiero segnato con un 8 cerchiato di giallo

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Da Pont Saint-Martin si imbocca la SR44 per la valle di Gressoney e la si segue fino al km 31, dove si parcheggia nello spazio a fianco del cartello chilometrico stesso.
È anche possibile parcheggiare nei parcheggi appena prima o appena dopo Biela (si risparmiano però non più di 3-400 metri).
Note
Percorso da evitare in caso di nebbia poichè sopra alle Case Ciampono la traccia diventa saltuaria ed i segni non sono sempre molto evidenti (da qui il percorso diventa abbastanza faticoso a causa dell'assenza di sentiero).
Tenere conto che sotto al Passo di Rissuolo c'è un nevaio sempre presente e che bisogna attraversare per giungere al colle. Potrebbe essere necessario avere picozza e ramponi (a seconda delle condizioni del nevaio). Il nevaio è facilmente aggirabile sulla sinistra su traccia segnata da numerosi bolli .
Gita abbastanza breve (circa 5.5km) ma con forte dislivello.
Descrizione

Dal parcheggio presso il km 31 (qui iniziano le indicazioni) si attraversa il ponte sul torrente Lys e ci si avvia verso Biela, attraversandola. Giunti al fondo del paese si seguono le indicazioni verso sinistra ed al bivio successivo si seguono le indicazioni n.8 verso destra seguendo una sterrata in salita. La strada diventa sentiero dopo un breve tratto e la si segue in ripida salita fino alle Case Ciampono.
Qui il sentiero si porta sul fondo del vallone, attraversa il torrente e supera su di una bella cengia (non visibile dal basso) verso destra   una bastionata rocciosa. Fare attenzione al bivio poco evidente (ometti) che porta a questa cengia.
Il sentiero ormai si è ridotto a traccia e continua su pendii erbosi, bancate di roccia e pietraie fino a giungere al nevaio residuo presente sotto al passo. Attraversare il nevaio in piano, andando a sinistra, puntando ad una grossa croce bianca su un masso, e poi seguire i numerosi bolli bianco-rossi sulla petraia. Volendo si può risalire il nevaio fino al suo termine (utili i ramponi), giungendo in seguito sul tratto di detriti instabili che portano al Passo.
Dal Passo si svolta a destra e si risalgono i pendii ripidissimi di rocce non sempre stabili (qualche rado ometto) fino a giungere sulla cresta Nord-Est a poca distanza dalla vetta e che si raggiunge ora con facilità.

 

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Carta dei sentieri n.8 - Val d'Ayas Val di Gressoney Monte Rosa - L'escursionista editore
Bibliografia:
Guida dei Monti d'Italia - M. Rosa
rfausone
03.08.2020
2 settimane fa
6 anni fa
9 anni fa

Tracce (1)

Condizioni

Link copiato