Money (Punta), Torre e Piramide del Gran Ney da Pravieux, per la cresta SE e traversata

Money (Punta), Torre e Piramide del Gran Ney da Pravieux, per la cresta SE e traversata

Dettagli
Dislivello (m)
1700
Quota partenza (m)
1834
Quota vetta/quota (m)
3292
Esposizione
Sud-Ovest
Grado
AD

Località di partenza Punti d'appoggio
Rif.F.Chabod

Note
Posto splendido, ideale per ammirare tutte le vette che dal Gran Paradiso vanno fino all'Herbetet. Da nessun altro luogo esse acquistano un imponenza cosi grandiosa. Eccelle fra tutte la parete ovest dell'Herbetet. Una cresta assai lunga di ottima roccia. Rappresenta un itinerario vario ed interessante, sia dal lato alpinistico, con alcuni passaggi alquanto delicati, sia dal lato spettacolare. Da giudicare unica sotto questo aspetto, in tutta la valle. Da nessun altro punto infatti si ha la fortuna di ammirare cosi tanta bellezza con un unica occhiata.
Avvicinamento
Da Aosta risalire la statale fino a Villeneuve al bivio a dx prendere per le valli Della Valsavaranche di Rhemes e Valgrisance. Ad un secondo bivio di poco a monte di Introd girare a sx e percorrere la Valsavaranche fino Pravieux. Ampio parcheggio a lato il ponte.
Descrizione

Dal Park oltrepassato il ponte sul Savara, risalire l’evidente sentiero n.5 con numerose svolte fino all’alpe Lavassey, dove un sentiero alternativo il n.5/a, consente un piu’ diretto avvicinamento alla meta in oggetto che non il 5 che porta allo Chabod con giro piu’ largo. Eventualmente da prendere in considerazione quest’ultimo, nell’ipotesi di un rientro ad anello. Col 5/a che diparte alla sx, presto si arrivera’ all’Alpage Montandayne’.
Qui il sentiero devia a dx per la salita al rifugio medesimo da questo vallone posto a fianco.Prendere su dritti su terreno pascolivo e pietroso assieme, puntando all’insellatura a sud est della Punta Money. Per arrivarci si percorrera’ un tratto dell’alta via, che consente il passaggio dal vallone di Montandaiyne a quello di Leviona e viceversa, attraverso il colle ovest del Gran Neyron, detto anche Passage Neyron con tanto di targa gialla di identificazione al seguito.
Dall’insellatura la cresta e’ facile per calcare la vetta. attimi dopo, stando di preferenza sulle balze alla sua sx salendo. Dalla P.Money cosi raggiunta si ritorna all’insellatura con percorso a ritroso.
Dopo di che si incontra un gendarme (q.3261) facile, che volendo si puo’ evitare sulla dx per cengie camminabili. Segue una bella torre dalle pareti verticali (q.3292). Su comoda cengia la si contorna sul versante Montandayne’ in pratica sulla dx), e con salita a spirale si guadagna la sommita’ (passi di III, impegnativo).
Siamo ora sulla torre del Gran Neyron dalla quale si ridiscende dalla medesima parte di dove si e’ saliti. Si percorre ora una <> erbosa, sospesa su due pareti di roccia rossastra assolutamente verticali e levigatissime.
La route termina con un salto di 6-7 m a picco. Uno spuntone che par messo li apposta per assicurare la corda doppia, permette di superare la difficolta’. Si perviene cosi ad una stretta forcella, da cui parte una lama di roccia che termina in un dente, cui seguono un secondo ed un terzo. Quindi dopo un tratto di crestina esposta, delicata ma interessante e varia, superare altri due denti assai arditi e non facili (III III+, 5 denti in tutto).
Altra breve discesa in doppia. Da questo punto in poi la cresta scende leggermente, diminuiscono le difficolta’ ma richiede comunque di fare sempre molta attenzione. Necessita ora di interpretare al meglio il rimanente ancora lungo tragitto sfuggendo alle ancora discrete diffcolta che si incontrano volendo restare sul filo, percorrendo le invitanti genge sul vesrante Montandayne fino al Passage Neyron dove la traversata di cresta ha termine.
Con ora tutto tracciato, ometti, fraccie gialle, e quanta’altro, si chiude ad anello questa non facile cavalcata di cresta seguendo le indicazioni per il Rifugio Chabod o per stessa via dell’andata. (Per il giro completo prevedere dalle 12 alle 13 ore. In cordata i tempi possono diventare anche piu’ lunghi)

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Storico:
Il 29 agosto 1940, Camillo Bianco e Arnaldo Cosio, compirono la prima ascensione e traversata di tutte le quote, terminando al Colle orientale del Gran Neyron.
Cartografia:
IGC 1:25.000 Gran Paradiso Grivola Cogne n.101
Bibliografia:
Guida dei Monti d'Italia Gran Paradiso
enzo51
15/06/2017
4 anni fa
Risorse nelle vicinanze Mappa
Stazione Meteo 1951m 2.4Km

Valsavarenche – Pont

Stazione Meteo 1651m 2.5Km

Valsavarenche – Eaux-Rousses

Webcam 1961m 2.8Km

Valsavaranche – Pont

Webcam
Webcam 2750m 3Km

Rifugio Chabod

Webcam
Stazione Meteo 2170m 4.6Km

Valsavarenche – Orvieille

Link copiato