Grand’Uja da Grange Ciapè per il lago Falin

Grand’Uja da Grange Ciapè per il lago Falin

Dettagli
Dislivello (m)
1050
Quota partenza (m)
1613
Quota vetta/quota (m)
2663
Esposizione
Nord
Grado
EE/F
Sentiero tipo, n°, segnavia
Nessune segnavia

Località di partenza Punti d'appoggio

Avvicinamento
Percorrere la val di Viù, superare l’ultima frazione di Usseglio, Margone, e proseguire sulla strada Margone-Malciaussìa; superati i primi tornanti percorrere il tratto in piano fino alle Grange Ciapè ; qui a sinistra parte il sentiero che scende in direzione sud verso il lago Falin (cartello).
Note
Itinerario molto complesso, sconsigliato per i più, riservato adi ottimi ravanatori senza paure. Non esiste alcuna traccia né alcun segnale e il terreno è quantomai impervio e ostico.
Anche la lunghezza del percorso non è da sottovalutare.
Il superamento del canalino bagnato può presentare parecchie difficoltà, specie in discesa.
Dalla vetta ottimi panorami sulle cime dell’alta Valle di Viù.
Descrizione

Seguendo il sentiero, superare la Stura e continuare sulla buona traccia fino al colletto prima del lago. Da qui piegare a destra e salire al meglio il tratto di drose e rododendri.
Dirigersi verso sud al valloncello compreso tra la Punta Sciarda a destra e la Piccola Uja a sinistra. Superata una zona di bassi cespugli , si giunge in una zona detritica (nevai fino all’inizio dell’estate), delimitata da alcune balze rocciose; con salita diagonale raggiungere le balze, dove, proprio sotto ad una erta parete, vi è un breve canalino obliquo che consente di portarsi nella parte superiore del vallone (vedere foto). Attenzione che il canalino è spesso bagnato !
Si raggiunge un’ampia zona di ciaplè. Percorrerla sempre verso sud, pervenendo infine ai tratti erbosi sotto il colle dell’Ujetta.
Da qui, salendo senza difficoltà su erba e pietrame, tenendo preferibilmente il lato sinistro si tocca il punto culminante dell’Uja.
La discesa può avvenire direttamente per sfasciumi sul colle dell’Uietta. Sconsigliato tornare ripercorrendo il sentiero dell’andata; meglio risalire la punta dell’Ujetta 2400 m su vaghe tracce verso ovest, scendere al passo Coupe Trape, risalire la quota 2459 m sempre all’incirca sul crestone e scendere infine al colle delle Coupe 2341 m. Da qui per buona traccia segnata scendere al lago Nero , successivamente al lago di Malciaussia e tornare alla partenza per la strada oppure per il sentiero Italia che percorre la destra orografica del vallone .

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Cartografia:
Fraternali n° 8
mario-mont
05.08.1978
42 anni fa

Condizioni

Link copiato