Grande (Corna) da Moggio

Grande (Corna) da Moggio

Dettagli
Dislivello (m)
1400
Quota partenza (m)
850
Quota vetta/quota (m)
2090
Esposizione
Tutte
Grado
E

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio lecco, Rifugio Cazzaniga-merlini, Rifugio Nicola

Note
La Corna Grande è una cima secondaria del gruppo dei Campelli che viene salita principalmente in combinazione con l'anello che compie il periplo del massiccio e che costituisce una grande classica dell'escursionismo lecchese. La salita può essere notevolmente abbreviata sfruttando la funivia che porta ai Piani di Artavaggio (m. 1640). Le difficoltà tecniche sono limitate ad alcuni elementari (seppure esposti) tratti attrezzati sul Sentiero degli Stradini.
Avvicinamento
Da Lecco si seguono le indicazioni Valsassina, si prosegue fino a poco oltre il Colle del Balisio dove si va a dx per Barzio e Moggio. Si supera il parcheggio della funivia e si raggiunge un parcheggio posto in prossimità di un torrente.
Descrizione

Dal parcheggio si segue l’evidente sentiero nel bosco che porta ai Piani di Artavaggio, abbandonandolo poco prima di raggiungere questa località per salire a sx seguendo le indicazioni per il Sentiero degli Stradini. Si avanza su terreno aperto e traccia non sempre marcata che infine converge sul percorso citato nei pressi del Colletto di Faggio (m.1838). Si va a sx costeggiando il Massiccio dei Campelli con percorso un po’ esposto e che presenta qualche tratto attrezzato elementare (cavi e una corta scaletta), fino a raggiungere la Bocchetta di Pesciola e immediatamente dopo il Rifugio Lecco (m.1780). Si prosegue per un breve tratto in piano per poi salire a dx in direzione della Bocchetta dei Mughi (m.2010). Pochi metri prima della Bocchetta, una scritta su masso invita a salire a sx dove, seguendo la cresta, in 15′ si raggiunge la cima della Corna Grande (croce). Tornati alla Bocchetta, si scende sull’opposto versante percorrendo il periplo del massiccio dei Campelli fino a portarsi al rifugio Cazzaniga- Merlini, da cui si raggiunge in breve il rifugio Nicola e successivamente i Piani di Artavaggio. Poco prima di raggiungere la stazione della funivia, si prende a dx il sentiero che scende in una evidente valletta e che in breve si ricongiunge al percorso di salita. A questo punto non resta che proseguire in discesa fino al punto di partenza. Tempistica media indicativa 7h al netto delle pause.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
giuliano
06/09/2020
5 mesi fa
Link copiato