Eveque (l’) Cresta SO

Eveque (l’) Cresta SO

Dettagli
Dislivello (m)
2000
Quota partenza (m)
1980
Quota vetta/quota (m)
3716
Esposizione
Sud-Ovest
Grado
AD

Località di partenza Punti d'appoggio
Rifugio Nacamuli al Col Collon

Avvicinamento
Aosta-Valpelline-Diga di Place Moulin
Note
Classica cresta AD in ambiente stupendo e con roccia molto buona. Arrampicata divertente e a tratti aerea. Condizioni variabili vista l'altitutine e l'esposizione del primo tratto (sud ovest pieno).Nel complesso, considerando l'avvicinamento (e il ritorno!) in ghiacciaio (crepacci), una gita abbastanza impegnativa.
Contare 3-4 ore per la sola cresta le cordate medie.
Descrizione

Dal parcheggio all’inizio della diga di Place Moulin salire al rifugio Nacamuli.
Dal rifugio seguire il sentiero fino al Col Collon (3.080), puntare il colle dell’Evêque in direzione ovest, risalendo dapprima sul ghiacciaio d’Arolla e poi su quello dell’Evêque. Giunti al Colle (3.382) portarsi alla base della cresta sud ovest o scavalcando il grande dosso (3.460) che si frappone a est, passando in cresta (roccia rotta, poi neve) oppure perdendo quota e risalendo per aggirarlo (20′).
Giunti all’attacco (3.396) seguire facilmente la cresta (II-III) fino ad arrivare ad un grande risalto arancione, dove questa si impenna. Passare a sinistra per una quindicina di metri e risalire verso il filo di cresta con un traverso ascendente a destra (III, un chiodo). Si giunge ad un terrazzino che si seguirà per qualche metro, ignorando un primo diedro e portandosi sul lato sud da dove parte un secondo diedro di circa 15 metri (esposto, III e IV, un chiodo) che si segue fino a un tetto che si aggira a sinistra, riportandosi così in cresta su di una cengia.
Da lì in avanti si prosegue sempre sul filo, con alcuni passaggi molto esposti (III, un chiodo lungo un lamone affilato), fino all’ultimo risalto sotto la vetta.
Discesa lungo la normale, quindi seguendo la cresta nord ovest e poi piegando su roccette e detriti verso il ghiacciaio, 100m più in basso. Conviene scendere facendo un largo giro puntando a destra (nord est) per evitare un grande seracco. Prestare attenzione ai crepacci. Si scende fino a dove il ghiacciaio si appiana (3.150 m circa), sempre facendo un giro abbastanza ampio verso destra, e poi arrancare nuovamente al colle de l’Evêque.

Proponi una modifica all'itinerario
scrivendo a redazione@gulliver.it
Bibliografia:
Cai TCI Pennine
rebeccatorche
26.07.2020
1 settimana fa
1 mese fa
4 anni fa
7 anni fa
8 anni fa

Condizioni

Link copiato